Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 apr 2022

Coriano teatro del fatidico sì Ripartono anche i matrimoni

Il 2020 è stato l’anno recente con meno nozze (13), ripresa nel 2021 con 22. L’ultima cerimonia lo scorso 8 aprile

16 apr 2022
Le nozze di Mirko ed Elisa, l’8 aprile, celebrate da Primiano Rosa
Le nozze di Mirko ed Elisa, l’8 aprile, celebrate da Primiano Rosa
Le nozze di Mirko ed Elisa, l’8 aprile, celebrate da Primiano Rosa
Le nozze di Mirko ed Elisa, l’8 aprile, celebrate da Primiano Rosa
Le nozze di Mirko ed Elisa, l’8 aprile, celebrate da Primiano Rosa
Le nozze di Mirko ed Elisa, l’8 aprile, celebrate da Primiano Rosa

La pandemia ha frenato i matrimoni anche a Coriano, soprattutto i religiosi, che con le chiusure e varie restrizioni stanno riprendendo solo ora. Lo si deduce dal report degli ultimi sei anni, dal 2016 al 2021, che tra italiani e stranieri ha fatto registrare in tutto 135 fiori d’arancio, dei quali 51 religiosi e 84 civili. A questi si aggiungono i due celebrati nella prima parte dell’anno, mentre altri sei sono in pubblicazione. Le ultime nozze, celebrate lo scorso 8 aprile dal presidente del consiglio comunale Primiano Rosa in piazza Mazzini, sono state quelle di Mirko ed Elisa. Un particolare: l’anno che ha fatto registrare il maggior numero di matrimoni è stato il 2017, che detiene anche il record di quelli civili, 18, il doppio dei religiosi. Il peggiore è stato invece il 2020, nel quale sono convolate a nozze appena 13 coppie (2 davanti all’altare e 11 davanti a pubblico ufficiale).

Per il resto nel 2016 le cerimonie celebrate in chiesa sono state 13 e quelle in municipio 12, nel 2018 i matrimoni religiosi (13), hanno superato per la seconda volta i civili (11), questi ultimi sono stati più numerosi anche nel 2019 (15 su 9 religiosi), e nel 2021 (17 su 5 religiosi). I civili lievitano anche per il crescente numero di stranieri, spesso di altro credo. È confermato dal fatto che in alcuni casi, come riportato dal Comune di Coriano, è stato necessario ricorrere all’interprete perché uno dei due sposi, o entrambi, non conoscevano la lingua italiana.

Nives Concolino

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?