Tampone a una studentessa (foto di repertorio)
Tampone a una studentessa (foto di repertorio)

Morciano (Rimini), 17 settembre 2021 - Scuola appena partita e scatta il primo stop per un caso di positività Covid. Con un’intera classe dell’istituto Gobetti - De Gasperi di Morciano messa in quarantena e attivazione della Dad, la Didattica a distanza, scattata da ieri mattina sulla piattaforma Meet, con un link che è stato inviato a studenti e docenti.

"Non è l’intera classe ad essere risultata positiva ma un solo studente – puntualizza il dirigente scolastico Simona Flammini, originaria di Ascoli, per il secondo anno al timone del polo scolastico della Valconca – reduce da un campus organizzato dalla parrocchia. Abbiamo subito segnalato la cosa all’Ausl, attivando la Dad, una procedura già ampiamente sperimentata e consolidata lo scorso anno scolastico. La quarantena per i ragazzi proseguirà fino a comunicazione dell’Ausl". Per docenti della classe, educatori e collaboratori che hanno avuto contatto con il ragazzo positivo nei primi tre giorni di lezione, considerati a basso rischio contagio, è previsto un tampone.

Il focus Nuovo decreto Green pass: cosa cambia in Emilia Romagna - Covid dopo la prima dose di vaccino: cosa fare

Le disposizioni emanate il 6 settembre dalla Regione per la scuola riguardano appunto l’individuazione dei ’contatti stretti’ in caso di presenza di un positivo in classe. Cosa succede nella scuola primaria e secondaria di 1°e 2° grado (medie inferiori e superiori) in caso di presenza di un positivo? Il Dipartimento di sanità pubblica dell’Ausl "individua i contatti stretti, tra alunni e personale scolastico, che hanno vissuto una presenza prolungata e un’interazione significativa con il positivo nelle 48 ore precedenti l’esordio dei sintomi o l’effettuazione del tampone del caso confermato".

Il punto Covid, il bollettino dell'Emilia Romagna 

Per tutti i contatti stretti individuati viene emesso un provvedimento di quarantena. Come appunto è successo al Gobetti - De Gasperi di Morciano. La quarantena, per i contatti stretti, è di 7 giorni dall’ultimo contatto con il positivo se hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni, e si conclude con test molecolare o antigenico. Per i non vaccinati, o per chi non ha concluso il ciclo vaccinale da meno di 14 giorni, la durata della quarantena resta di 10 giorni, come in precedenza. Gli alunni della classe che risultano a basso rischio devono comunque sospendere la frequenza e vengono sottoposti a tampone. Saranno riammessi a scuola con esito negativo e obbligo dell’uso della mascherina chirurgica al banco per 10 giorni dall’ultimo contatto con il caso. I docenti se hanno rispettato le misure di prevenzione (mascherina e distanziamento) non sono considerati contatti stretti ma devono sottoporsi a test molecolare. Il rifiuto del test fa scattare il provvedimento di quarantena.