La passerella del Bagno 27
La passerella del Bagno 27

Rimini, 16 luglio 2020 - "Quando ho saputo di queste sentenze, ci ha detto Stefano Mazzotti, “BagninoTop” del Bagno 27 di Rimini, quello dell’ormai celebre passerella rainbow, "ho pensato subito alla evidente sproporzione di trattamento dei due casi. Da una parte la sentenza di Bologna, così avanzata, dall’altra invece si vede una legittima richiesta delle famiglie di poter legalizzare la propria situazione familiare che viene sanzionata amministrativamente, e mi è dispiaciuto molto".

Si riferisce alla recente sentenza del Tribunale di Bologna sulla famiglia delle due mamme Sonia e Paola di Forlì che ha avuto non solo il riconoscimento della step-child adoption ma anche dei rapporti di parentela. Ora i loro figli, che da sempre vivono insieme, sono fratellini e sorelline anche davanti alla legge. Si riferisce anche alla recente sentenza riguardo le due famiglie di Martina e Claudia, e di Sara e Irene, che si sono viste condannare, punitivamente, al pagamento di 10.000 euro per spese legali al comune di Piacenza. Comune che sicuramente avrebbe potuto trovare il modo di mitigare la richiesta, per esempio come risparmio conseguente alla rinuncia al ricorso in Cassazione, e invece quella famiglia ha dovuto vendere l’auto per pagare questa vendetta da parte del comune.

E così Stefano Mazzotti ha chiesto ad Arcigay Rimini di contattare le tre famiglie interessate per offrirgli qualche giorno di vacanza nel suo stabilimento balneare.