FRANCESCO ZUPPIROLI
Cronaca

Sangue a Rimini, ferito con il coccio di una bottiglia per 20 euro. Un arresto

Tentato omicidio, l’aggressione al parco Fabbri per un debito non pagato, maturato per la manodopera prestata in un campo di cipolle

Un debito maturato in un campo di cipolle, di soli 20 euro, è il movente del tentato omicidio del parco Fabbri a Rimini (foto d'archivio)

Un debito maturato in un campo di cipolle, di soli 20 euro, è il movente del tentato omicidio del parco Fabbri a Rimini (foto d'archivio)

Rimini, 9 luglio 2024 - Tutto sarebbe nato per un debito non pagato. Un debito maturato in un campo di cipolle dove un giovane straniero aveva prestato manodopera in cambio di venti euro che la vittima di una violenta aggressione avvenuta domenica pomeriggio al parco Fabbri avrebbe dovuto restituirgli.

E' proprio per questo debito non saldato che a detta della stessa vittima, alle 19 di domenica appunto un giovane straniero ha avuto un'accesa lite con un altro uomo di origine straniera mentre si trovavano al parco di Rimini.

Tra i due, ha poi confermato un testimone, è partito un violento litigio culminato quando il giovane ha afferrato una bottiglia di vetro per poi infrangerla al suolo e attaccare brandendo l'arma il proprio rivale.

La vittima, secondo le ricostruzioni effettuate dal personale delle Volanti intervenuto sul posto, è stato colpita con il coccio di bottiglia alla testa, al collo e al braccio, rimediando ferite per cui gli sono stati applicati 50 punti di sutura.

Sulle tracce dell'aggressore si è subito messa la polizia di Stato che in una decina di minuti ha intercettato l'aggressore a una centinaia di metri di distanza dal parco Fabbri, ancora in evidente stato di agitazione e con un profondo taglio ancora sanguinante sulla mano con cui aveva impugnato il coccio di bottiglia.

L'uomo, che durante l'aggressione avrebbe anche minacciato la vittima di volerla uccidere, è stato quindi arrestato con l'accusa di tentato omicidio e trattenuto nelle camere della sicurezza della questura prima di venire trasferito in carcere.