Rimini, 14 luglio 2018 - La meraviglia è il tema che guiderà gli spettacoli e gli eventi della prossima Festa de’ borg. La 21esima edizione è in programma l’1 e il 2 settembre. Per ora, a ‘meravigliare’ gli organizzatori della grande festa nel borgo San Giuliano sono soprattutto i costi che dovranno sostenere per la sicurezza. «Se non troveremo nuove risorse per far fronte a tutte le spese, questa edizione della Festa de’ borg è a rischio», allarga le braccia Stefano Tonini, il presidente della Società de’ borg.

Nel 2016, ventesima edizione della festa (che è biennale), non erano ancora in vigore le nuove disposizioni in materia di sicurezza e antiterrorismo, che stanno mettendo tanto in difficoltà gli organizzatori di tanti piccoli e grandi eventi. Stavolta la Festa de’ borg ci rientra in pieno, e Tonini e gli altri membri della Società de’ borg hanno già fatto un po’ di conti: «Soltanto la spesa per gli agenti della polizia municipale impegnati nella chiusura del traffico si aggira, dal primo preventivo, intorno ai 2mila. Poi ci sono i costi per tutti gli steward che dovremo impiegare per i controlli agli accessi. Per fortuna le barriere le metterà il Comune. Ma dalle stime fatte, dovremo spendere almeno 7-8mila euro».

Costi che «nelle passate edizioni non c’erano, e ora gravano invece sul nostro budget, che si aggira intorno ai 150mila euro». Per gli organizzatori della festa, a questo punto, «è necessario chiedere un maggiore contributo a quelle attività che più beneficiano della festa, come bar, locali e ristoranti».

I locali del borgo a ogni edizione già versano la loro quota, «ma noi abbiamo chiesto di raddoppiarla, perché solo così troveremo le risorse per finanziare il piano sicurezza». Il dibattito fra gli esercenti del borgo San Giuliano è già cominciato, ma Tonini e gli altri si augurano che «i titolari delle attività siano collaborativi per il bene della festa e del quartiere». Martedì è prevista una riunione con gli esercenti, per fare il punto. «Faremo tutto il possibile, lavoriamo per garantire lo svolgimento della Festa de’ borg. Ma serve la volontà di tutti». Già l’anno scorso la Società de’ borg era stata costretta a ridimensionare fortemente l’iniziativa di Borgo Natale, proprio a causa dell’elevato costo delle misure di sicurezza.