Cronaca

Rimini - Il cantiere è stato 'spiato' da tanti curiosi. Osteggiato e criticato da alcuni, con tanto di esposti alla Procura da parte dell'associazione Italia nostra e di un gruppo di residenti del borgo San Giuliano. Ma la tanto discussa passerella 'sospesa' lungo via Bastioni settentrionali, che permette di ammirare il ponte di Tiberio in tutta la sua bellezza, ha subito attirato migliaia di riminesi.

Un vero e proprio assalto per l'opera, inaugurata stamattina a mezzogiorno dal sindaco Andrea Gnassi e dal funzionario della Soprintendenza Vincenzo Napoli davanti a oltre 300 persone. Un battesimo 'bagnato' (appena Gnassi ha concluso il suo discorso si è scatenato il temporale) e fortunato, visto che appena è tornato il sole migliaia di riminesi hanno voluto passeggiare lungo il nuovo percorso.

Un successo prevedibile, per il sindaco, nonostante le critiche ricevute in questi mesi. "Quando c’è un segno identitario, un’opera importante come questa che viene consegnata alla città ci riappropriamo anche di un senso di appartenenza. Questo intervento ci ricongiunge con la nostra memoria e con la nostra identità e ci serve per andare avanti, per guardare al futuro"

di MANUEL SPADAZZi

Sport Tech Benessere Moda Magazine