Gessica Notaro a Ballando con le stelle
Gessica Notaro a Ballando con le stelle

Rimini, 25 aprile 2018 - Per Gessica Notaro la paura è una ‘compagna’ che non l’abbandona mai. Perché c’è sempre qualcuno pronto a ricordarle quanto la gente può essere crudele o folle. Come quello che ha Roma l’ha seguita per strada, un personaggio sospetto che hanno allontanato prima che riuscisse ad avvicinarsi a lei. Quali fossero le sue intenzioni non si sa, ma il modo di fare di quello sconosciuto ha convinto la sua scorta a stare allerta. La prima volta è stato subito dopo la sua prima esibizione a Ballando con le stelle, la seconda di recente, subito dopo il pandemonio scatenato dagli avvocati di Eddy Tavares che hanno prima puntato il dito contro il fatto che parlasse di quello che le era accaduto durante il programma. Un altro uomo che ha trovato ad aspettarla sotto casa, anche lui intercettato subito dalla sua scorta.

A proteggere la giovane riminese ci sono da tempo gli uomini della sicurezza che ha assunto mesi fa, dopo uno spiacevole episodio avvenuto a Novafeltria. Gessica si trovava lì per parlare della sua esperienza, quando un uomo parecchio alterato ha cominciato a spintonare le persone che circondavano la ragazza, nel tentativo di raggiungerla. I carabinieri sono subito intervenuti, l’hanno allontanato e identificato. Ma Gessica è costretta a convivere anche con le minacce che le arrivano dai ‘leoni del web’, alcune delle quali, ha raccontato lei stessa, provengono dagli stalker delle ragazze che aiuta, altri da squilibrati. Magari come quelli che l’hanno seguita nella Capitale. Dopo quello che ha passato, anche un’ombra può essere un pericolo, per la sua tranquillità, ma anche per la sua incolumità. Di gente fuori di testa ce n’è a bizzeffe e lei è di fatto un personaggio. Dopo l’agguato con l’acido, la paura fa parte di lei ma, ha sempre rimarcato, è tutt’altro che intenzionata a farsi condizionare.

L’ha detto e l’ha ripeto a Ballando con le stelle, scatenando le rimostranze dei legali di Eddy, Riccardo Luzi e Alessandro Pinzari, i quali sostengono che in trasmissione supportano la Notaro a suon di offese e denigrazioni nei confronti del loro assistito (già condannato in primo grado a dieci anni per lo sfregio con l’acido e a otto per lo stalking), il quale trovandosi in carcere non è in grado di dire la sua. Luzi e Pinzari si sono appellati addirittura al ministero e alla Commissione di vigilanza Rai, censurando anche le dichiarazioni della criminologa Roberta Bruzzone e dell’opinionista Selvaggia Lucarelli che si erano schierate con Gessica e con il suo diritto di parlare.

Repliche che hanno dato la stura a una vera e propria guerra tra avvocati. Sia quello della Lucarelli che quello della Bruzzone hanno già alzato gli scudi parlando di «tentativi di intimidazione», e sono pronti a querelare i colleghi. Una polemica mediatica che non accenna a placarsi e dove ogni giorno qualcuno getta benzina sul fuoco. «Gessica sta vivendo un momento di notevole stress – dice il suo avvocato, Fiorenzo Alessi, che la rappresenta insieme al figlio Alberto – non è bello vivere temendo che possa esserci una minaccia dietro ogni angolo».