Gli industriali scommettono sull’Unione Europea: "Finalmente potremo competere alla pari"

L'assemblea generale dell'Anis a San Marino ha affrontato le sfide dell'economia reale, con focus sull'accordo di associazione con l'UE e il rinnovo del contratto Industria. Presidente Rossini sottolinea l'importanza di competere sul mercato unico europeo.

Gli industriali scommettono sull’Unione Europea: "Finalmente potremo competere alla pari"

Gli industriali scommettono sull’Unione Europea: "Finalmente potremo competere alla pari"

Il valore dell’economia reale e le sfide che dovranno affrontare le imprese a San Marino, in Italia e soprattutto in Europa. E’ stato questo il filo conduttore dell’assemblea generale dell’associazione nazionale industria San Marino. In platea, ieri al Kursaal, oltre duecento persone tra imprenditori, rappresentanti istituzionali, politici e delle parti sociali, "a dimostrazione – sottolineano dall’Anis – di un interesse altissimo per l’appuntamento annuale della più importante associazione di categoria del Paese". Arricchito in quest’occasione dall’ospite d’onore, il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi. Nella parte privata riservata ai soli associati, sono stati affrontati i temi più attuali tra cui le politiche energetiche e soprattutto il rinnovo del contratto Industria, che impegnerà Anis nei prossimi mesi. Ad aprire i lavori, l’attesa relazione della presidente, Neni Rossini, che ha toccato tutti i temi più attuali

che riguardano il sistema economico sammarinese e in particolare l’imminente accordo di associazione all’Unione Europea: "Un passaggio ormai ineludibile, da cui trarre e cogliere, però le migliori opportunità per il Paese e per le sue imprese, le quali finalmente avranno la possibilità di competere alla pari sul mercato unico, come abbiamo sempre chiesto. Un ottimo punto di partenza da cui innescare tutte le azioni conseguenti per evolversi e adeguarsi ai paesi più virtuosi. Lucidità e coraggio saranno infatti i fattori discriminanti di quello che si riuscirà a fare d’ora in avanti".