Il centro dello spaccio Gestivano traffici fino in nord Europa Sei arresti in Riviera

Il centro dello spaccio  Gestivano traffici  fino in nord Europa  Sei arresti in Riviera

Il centro dello spaccio Gestivano traffici fino in nord Europa Sei arresti in Riviera

di Francesco Zuppiroli

Le vie della droga sono infinite. Ma questa volta, una di quelle strade è stata sbarrata, sgominata, fatta a pezzi dalla maxi operazione di portata internazionale della polizia di Stato – coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Bologna – che ha toccato anche la Riviera, portando nella mattinata di giovedì a ben sei arresti compiuti dalla Squadra mobile diretta da Dario Virgili, coinvolta nelle operazioni che solo in Italia hanno sgominato una vasta rete di compravendita di droga con al proprio apice proprio uno degli albanesi che sono stati fermati sul nostro territorio.

Secondo le accuse, sarebbe proprio Ger Gentian, albanese di 44 anni arrestato a Rimini e difeso dall’avvocato Roberto D’Errico del foro di Bologna, una delle teste dell’idra dello spaccio mozzate giovedì dalla polizia. L’albanese è ritenuto essere colui che gestiva acquisti e cessioni dell’organizzazione, nonché promotore della stessa, chiamato a reperire i trasporti per smistare stupefacenti e denaro lungo tutta la penisola. Una sorta di ’broker’ dello spaccio, al quale si sono uniti gli arresti di altri cinque connazionali: un 55enne, un 39enne e un 66enne che si trovavano a Rimini e un 56enne e una donna di 44 anni di Riccione. Tutti gli indagati, si trovano nel mirino dell’autorità giudiziaria per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e tutti e sei gli indagati in Riviera sono stati destinatari di misura cautelare in carcere e sono ora detenuti ai Casetti.

Le accuse nei confronti dei sei, ritenuti essere i protagonisti della ’costola riminese’ della maxi inchiesta di portata internazionale, sono di aver appunto gestito sul territorio alcune aziende del settore della logistica che per anni avrebbero trasportato la droga dalla Riviera verso il nord dell’Europa.

Inoltre, durante le perquisizioni compiute nel corso dell’azione coordinata da parte della Squadra mobile, sono stati trovati e sequestrati anche 181 grammi di cocaina che erano nelle disponibilità di Ger Gentian, colui che appunto viene ritenuto nell’inchiesta uno dei soggetti apicali di tutta l’organizzazione e per quel che riguarda il territorio romagnolo.