Il Festival del sole tiene in forma anche il turismo: 15mila presenze

Riccione diventa la capitale della ‘ginnastica per tutti’, in arrivo oltre 2.600 atleti da tutta Europa

Il Festival del sole tiene in forma anche il turismo: 15mila presenze

Il Festival del sole tiene in forma anche il turismo: 15mila presenze

Conto alla rovescia per il Festival del Sole che, dal 30 giugno al 5 luglio con le performance di 2.600 atleti, in arrivo da tutta Europa e anche da oltreoceano, con 80 ore di spettacolo scalderà le tre grande arene predisposte in tre punti strategici della città. La più grande manifestazione internazionale di ‘Ginnastica per tutti’ che quest’anno aprirà la Notte Rosa con il team acrobatico giapponese di ginnastica ritmica dell’Università Kokushikan di Tokyo, con 15mila pernottamenti confermati in un centinaio di hotel, darà una significativa boccata d’ossigeno agli albergatori e non solo. L’evento, giunto alla sua diciassettesima edizione si annuncia positiva anche sul piano commerciale e dei servizi. Se n’è parlato ieri durante la presentazione al Bagno Ettore (zona 68) della famiglia Luzi, presenti gli organizzatori, a partire dal direttore Maurizio Ascani, nonché la sindaca Daniela Angelini e l’assessore al Turismo Mattia Guidi, più che mai decisi a scommettere anche in futuro su questa manifestazione, diventata annuale e che nel 2023 con il commissariamento ha rischiato di emigrare altrove. "L’evento è nato a Riccione e, senza dubbio, vorremmo continuasse a tenersi qui – sottolinea Angelini – L’anno scorso è stato molto particolare col commissariamento, se c’è stato qualcosa è dovuto solo a quello, a Riccione nessuno, né l’amministrazione, né gli operatori, ha mai pensato nel modo più assoluto che il Festival del Sole dovesse abbandonare la città".

Si andrà avanti puntando al massimo su 3.000 partecipanti all’anno (6.000 nel biennio com’era un tempo in unica edizione) per motivi tecnici di gestione. Si partirà dunque il 30 giugno con la parata che da piazzale Ceccarini a piazzale Roma vedrà sfilare le 90 squadre provenienti da Francia, Inghilterra, Portogallo, Svizzera, Isole Faroe e, ancora da Finlandia, Grecia, Estonia, Scozia, Svezia, Belgio, Danimarca, nonché dal Brasile e Giappone. Non mancheranno Italia e San Marino. Nell’arena Roma si terrà il gran galà di danza e musica, seguito da fuochi d’artificio. Altro momento chiave sarà la gigantesca festa finale con ospiti internazionali e una selezione di tutti i Paesi partecipanti. Una lunghissima serata che terminerà con una grande festa di balli e musica, aperta al pubblico. Si chiuderà con lo spettacolo pirotecnico che darà il benvenuto alla Notte Rosa. Nelle tre arene, in piazzale Roma, Giardini del centro e Aldo Moro, a nord saranno disponibili 3.000 posti a sedere. Previste esibizioni alle 17 e alle 20, senza competizioni e punteggi, ma già dalle 8 di mattina gli atleti saranno in pista per gli allenamenti. Come annuncia Ascani, l’evento sposa l’ecologia. Sono stati comprati 2.600 abbonamenti per far girare gli atleti sui bus pubblici e dietro accordo si userà l’acqua delle casette concessa da Romagna Acque, evitando così la distribuzione di 12/13mila bottigliette di plastica.

Nives Concolino