Quotidiano Nazionale logo
10 giu 2020

In Cina le macchine anti-Covid nate a Rimini

La Newster di Coriano aprirà uno stabilimento ad Hangzhou per produrre gli apparecchi che smaltiscono i rifiuti sanitari infetti

In Cina, dove ci sono decine di migliaia di ospedali e si producono 4 milioni di tonnellate di rifiuti sanitari all’anno, non hanno avuto dubbi: quell’azienda di Rimini fa al caso nostro. Sì perché la Newster, piccola ma avviatissima impresa di Coriano specializzata nella tecnologie per la gestione di rifiuti ospedalieri, si è inventata una macchina capace di smaltirli e sterilizzarli. Una tecnologia già usata in alcune strutture sanitarie (anche del Riminese) e che presto sarà prodotta su vasta scala in Cina, grazie all’accordo tra la Newster, il fondo cinese di investimenti Chao Capital e le autorità della provincia di Zhejiang. Questo permetterà di gestire l’enorme quantità di rifiuti infetti in Cina a causa dell’emergenza Covid-19, inclusi guanti e mascherine. Ieri la cerimonia ufficiale per la firma dell’accordo, con le istituzioni cinesi collegati in diretta - in videoconferenza - dalla Cina, e la ’benedizione’ imparitta dall’ex premier Romano Prodi: "L’accordo, tra una piccola ma tecnologicamente avanzata impresa italiana, e una grande realtà cinese, va nella direzione giusta. Il trattamento dei rifiuti ospedalier negli ultimi mesi è diventato molto più importante. E’ una cooperazione – ha concluso Prodi, anche lui collegato in videoconferenza – che stringerà legami tra gli amici di Rimini e la Cina". La Newster ha già realizzato le prime 9 macchine che esporterà in Cina. A breve Andrea Bascucci, l’amministratore delegato dell’azienda (che ha 25 dipendenti, "tra cui moltissimi laureati" e tanti collaboratori) e il suo staff andranno nella città cinese di Hangzhou per partecipare alla realizzazione dello stabilimento che produrrà le macchine da loro brevettate. L’investimento è di circa 5 milioni di euro, la fabbrica sarà inizialmente di 10mila metri quadrati per arrivare (a regime) a 30mila metri, e impiegherà tra i 200 e i 300 lavoratori. Lo stabilimento sarà in grado di produrre, già dal primo anno, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?