Sul posto sono intervenuti i carabinieri
Sul posto sono intervenuti i carabinieri

Rimini, 22 marzo 2019 – Ha cercato di rubare elettrodomestici per un valore complessivo di 150 euro da un negozio di Rimini, ma è stato fermato dai carabinieri della stazione di Viserba. E’ finito male il tentativo di furto da parte di un cittadino senegalese di 26 anni.

Il giovane, dopo essere entrato in un negozio di elettrodomestici sito all’interno di un centro commerciale della città, ha iniziato ad aggirarsi tra gli scaffali guardandosi insistentemente intorno, insospettendo il personale addetto alla sicurezza che, pertanto, decideva di attenzionarlo seguendone gli spostamenti con l’impianto di videosorveglianza interna, allertando nel frattempo i carabinieri tramite il numero di emergenza 112.

Ed infatti l’uomo, giunto nel reparto degli Hi-Fi, stava raccogliendo alcuni prodotti dagli scaffali, occultandoli all’interno di una borsa dirigendosi subito dopo verso l’uscita. Dopo aver oltrepassato le barriere antitaccheggio, il ragazzo si dava repentinamente alla fuga seguito da personale della sicurezza, venendo prontamente bloccato dai carabinieri che, nel frattempo, erano giunti sul posto. Condotto in caserma, l’uomo non ha potuto fare altro che ammettere quanto contestato, restituendo la refurtiva dal valore complessivo di quasi 150 euro.

Dichiarato in stato di arresto, è stata trattenuto presso le camere di sicurezza della stazione Rimini Principale in attesa della celebrazione del rito direttissimo. A seguito dell’udienza di convalida svoltasi questa mattina, il giovane è stato condannato alla pena di mesi 6 di reclusione, con il beneficio della sospensione condizionale della pena, ma con l’obbligo di soggiorno nel comune di Novafeltria.