Quotidiano Nazionale logo
7 apr 2022

Le draghe passano, i fanghi restano

"E’ arrivata la draga". Falso allarme al porto. L’altro giorno è sbucata, come per incanto, un pontone per l’escavazione dei fanghi. Diportisti e pescatori hanno sperato si procedesse con gli annuali lavori di rimozione dei limi. Invece era solo una tappa che la draga faceva, diretta verso altri lidi. Il porto di Bellaria Igea Marina può attendere. L’obiettivo è che i lavori inizino ai primi di maggio, per terminare auspicabilmente entro la metà del mese. "Speriamo che, alla luce dell’importante accordo tra il Comune e La Dragaggi per 4 anni di interventi, si possano anticipare i tempi, e vedere il porto ripulito già a inizio maggio", l’auspicio del Circolo Nautico. L’accordo lega il Comune alla ditta La Dragaggi srl per quattro anni, dal 2022 al 2025, nell’esecuzione delle opere di dragaggio del porto e dell’asta fluviale. E’ stato di 534.000 euro l’importo a base di gara, che con opzioni e costi della sicurezza è salito fino a quasi 650.000 euro; dell’8,10% il ribasso offerto in sede di gara.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?