"Le telecamere sono in ritardo di cinque anni"

I residenti del Rione Clodio sono esasperati: l'amministrazione ritarda l'attivazione delle telecamere di Ztl e non ha un progetto di ponte alternativo al Tiberio. Autorizzazione rilasciata a ottobre, ma entrata in funzione rinviata al 2024. Modifiche ancora da apportare.

"I residenti del Rione Clodio sono esaperati – sostiene il consigliere di FdI, Gioenzo Renzi - L’amministrazione, dopo 5 anni, ritarda ancora l’attivazione delle telecamere di Ztl e non ha alcun progetto di ponte alternativo al Tiberio". Il ministero ha rilasciato a ottobre l’autorizzazione all’attivazione del sistema di telecamere di controllo, "tuttavia apprendiamo che l’entrata in funzione della video sorveglianza della è rinviata a primo semestre 2024. In grave ritardo rispetto a quanto annunciato nel 2018 dall’amministrazione comunale. Nonostante l’ampio tempo trascorso, l’assessore Frisoni ha dichiarato che, devono essere ancora apportate modifiche ad alcuni varchi, alla cartellonistica, e l’accensione dovrà essere contestuale per tutte le telecamere del centro storico".