Lo spaccio di droga è servito. Arrestato un cameriere-pusher

Un 44enne è stato sorpreso dai carabinieri a vendere cocaina a un cliente, perquisito ne aveva altri 30 grammi a casa.

Lo spaccio di droga è servito. Arrestato un cameriere-pusher

Lo spaccio di droga è servito. Arrestato un cameriere-pusher

Arrotondava lo stipendio da cameriere in un noto ristorante vendendo ‘neve’ ai consumatori abituali. L’ultima consegna effettuata nella Perla Verde si è rivelata però fatale e lo ha fatto finire in manette. Un 44enne italiano è stato arrestato l’altro ieri dai carabinieri della compagnia di Riccione che lo hanno sorpreso mentre cedeva una dose di cocaina ad un cliente. Tutto è cominciato nel pomeriggio, quando la pattuglia dell’Arma ha notato un ragazzo dall’aria sospetta in attesa lungo la strada, con il cellulare in mano. Il comportamento del giovane ha insospettito i carabinieri, che si sono appostati lì vicino fino a quando non hanno visto comparire un’auto con a bordo proprio il 44enne.

Quest’ultimo è sceso dal mezzo e si è avvicinato all’acquirente che lo stava attendendo, ma proprio in quel momento i militari sono usciti allo scoperto e gli hanno intimato l’alt. L’uomo ha cercato di disfarsi della cocaina, gettando a terra le due dosi, ma le divise hanno notato la sua ‘mossa’ e successivamente recuperato lo stupefacente. A nulla sono i valse le proteste del 44enne che ha cercato di opporsi all’identificazione e alla successiva perquisizione all’interno della macchina, dalla quale sono saltate fuori altre due dosi di ‘neve’. A quel punto i carabinieri hanno deciso di andare fino in fondo e gli accertamenti si sono quindi spostati nell’appartamento del 44enne, che è stato passato attentamente al setaccio.

Complessivamente gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto circa 30 grammi di cocaina, abilmente nascosti in diversi punti della casa, inclusa la camera da letto, e persino all’interno di una borraccia. Oltre alle dosi di droga, i militari hanno ritrovato anche un bilancino di precisione e circa 400 euro in contanti, somma ritenuto frutto del piccolo e fiorente business dello spaccio a cui il cameriere avrebbe deciso di dedicarsi. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro, mentre il 44enne è stato dichiarato in arresto e ieri mattina è comparso davanti al giudice del tribunale di Rimini dove è stato processato per direttissima.