Quotidiano Nazionale logo
6 mag 2022

Lotta alla droga, sequestrati 12 chili al mese

Trenta i blitz compiuti dagli agenti della Polizia locale di Rimini dall’inizio dell’anno: cresce il consumo di eroina anche tra i minori

Lo spaccio di sostanze stupefacenti è una vera e propria piaga della società contemporanea
Lo spaccio di sostanze stupefacenti è una vera e propria piaga della società contemporanea
Lo spaccio di sostanze stupefacenti è una vera e propria piaga della società contemporanea

Sono ovunque: dai parchi alle spiagge, da Borgo Marina a Miramare, passando per i luoghi più impensabili, come le lavanderie automatiche. E’ lotta senza quartiere, da parte degli agenti della Polizia locale di Rimini, agli spacciatori che ‘infestano’ le strade della città. Già, perché a ben guardare sembra non esserci quartiere o frazione immune da traffici illeciti. Lo dimostrano i numeri delle attività antidroga svolte dagli agenti guidati dal comandante Andrea Rossi, supportati dai ‘colleghi’ a quattro zampe dell’unità cinofila.

Oltre una trentina, nei primi quattro mesi dell’anno, le operazioni contro il traffico di stupefacenti. Tra queste spicca la maxi operazione del 31 marzo scorso, che ha portato a sequestri per un valore di circa 600mila euro. Complessivamente sono oltre 50 i chili di sostanze stupefacenti sequestrate (cocaina, hashish, marijuana e eroina) a seguito dei servizi della Polizia locale (praticamente 12 chili e mezzo al mese), con una ventina di persone tratte in arresto per spaccio e una quindicina segnalate perché trovate con droga addosso. Le indagini della Polizia locale rivelano che il consumo è in crescita specialmente tra i più giovani: sempre di più i minorenni che ‘approdano’ all’eroina. Si inizia fumandola e dopo qualche anno si passa alla siringa. I prezzi? Per una micro-dose di 0,02 grammi bastano venti euro. La marijuana oscilla tra i 12 e i 15 euro al grammo, mentre per meno di mezzo grammo di cocaina bisogna sborsare 50 euro. In prima linea, nel combattere lo spaccio, ci sono gli agenti della squadra giudiziaria. Tra le ultime operazioni da segnalare, oltre al maxi sequestro del 31 marzo, si ricorda ad esempio l’indagine conclusa a febbraio che ha portato a smantellare un traffico di sostanze stupefacenti che ruotava attorno ad una lavanderia della zona mare di Rimini e ancora l’arresto sempre nel febbraio scorso di un imprenditore a seguito delle segnalazioni dei residenti della zona delle Celle. "E’ doveroso un ringraziamento al personale della Polizia Locale per l’impegno quotidiano su un fronte così difficile come il contrasto all’uso e allo spaccio di sostanze stupefacenti, attività che vede il nostro corpo lavorare in sinergia con le forze dell’ordine preposte – commenta l’assessore alla Polizia Locale Juri Magrini – Al di là delle operazioni di maggior clamore e impatto, l’impegno della Polizia Locale in questo ambito si concretizza in una serie di interventi mirati che spesso non risaltano sulle cronache, ma che testimoniano l’impegno e la presenza costante delle nostre donne e dei nostri uomini per il controllo del territorio. Quella dello spaccio di sostanze stupefacenti è una vera e propria piaga della società contemporanea, proprio per una diffusione che si estende anche verso la parte più giovane della popolazione".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?