Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
9 giu 2022

Ma la Regione frena: "L’accordo non è chiuso"

L’assessore Corsini: "La candidatura è sul tavolo, aspettiamo conferme. Avere qui la Grand Boucle sarebbe un evento storico"

9 giu 2022
L’assessore regionale al turismo Andrea Corsini attende con speranza conferme sulla candidatura
L’assessore regionale al turismo Andrea Corsini attende con speranza conferme sulla candidatura
L’assessore regionale al turismo Andrea Corsini attende con speranza conferme sulla candidatura
L’assessore regionale al turismo Andrea Corsini attende con speranza conferme sulla candidatura
L’assessore regionale al turismo Andrea Corsini attende con speranza conferme sulla candidatura
L’assessore regionale al turismo Andrea Corsini attende con speranza conferme sulla candidatura

Per un Comune che va di volata sui pedali dell’entusiasmo, spinti dalle indiscrezioni che vedono Rimini quale forte candidata a ospitare il traguardo della prima tappa del Tour de France 2024, c’è una Regione che tira il freno. E riguardo le notizie apparse ieri sulla Gazzetta dello Sport circa la partenza della Grand Boucle in Italia, da Firenze, smorza l’entusiasmo senza precipitarsi verso la linea del traguardo. "Come noto, esiste la candidatura a ospitare il Tour de France 2024 in Emilia-Romagna e Toscana – hanno scritto in una nota congiunta il presidente della Regione Stefano Bonaccini e il sindaco di Firenze Dario Nardella –. Ma questa è la sola cosa certa, ogni altra notizia non può trovare alcuna conferma ufficiale".

Nonostante così si apra quindi un vero e proprio ’giallo di Francia’, la speranza della Regione è quella di "centrare un obiettivo che sarebbe storico – continua Bonaccini –. Un progetto serio, sul quale il confronto con gli organizzatori del Tour e il direttore generale Prudhomme prosegue in modo proficuo, ma al momento non è stato chiuso alcun accordo. L’auspicio è di riuscire a portare qui il Tour – chiosano dalla Regione –, ma certo resta molto da fare".

Resta insomma in ballo un lavoro alacre e necessario per trasformare quelle che ad oggi sembrano essere solo indiscrezioni in solide realtà. Realtà colorate di giallo e che potrebbero avere ripercussioni importantissime a livello di volano economico, visibilità e prestigio per l’Emilia-Romagna e ancor più per Rimini, ipotetico primo traguardo del Tour de France 2024. "Abbiamo presentato la candidatura e al momento non ci sono novità – ribadisce l’assessore regionale al Turismo Andrea Corsini –. Ma siamo al lavoro affinché un evento prestigioso come il Tour de France che parte in Italia e attraverso il nostro territorio possa concretizzarsi davvero. Per la nostra regione – procede nell’analisi Corsini –, si tratterebbe infatti di un altro obiettivo storico raggiunto e un altro tassello in grado di rendere la Sport Valley dell’Emilia-Romagna sempre più centrale nel panorama nazionale ed europeo". Ospitare l’arrivo della prima tappa del tour infatti per Rimini avrebbe "una ricaduta straordinaria per il territorio, in termini di attrattività turistica", conclude Corsini. Insomma, non resta che attendere per avere la conferma decisiva e sapere che gli occhi di Rimini potranno davvero riempirsi presto di giallo.

f.z.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?