Maxi rissa in piazzale Toscanini. Denunciati tre giovani sinti

La polizia di Stato è al lavoro per risalire all’identità di tutti i protagonisti della zuffa .

Maxi rissa in piazzale Toscanini. Denunciati tre giovani sinti

Maxi rissa in piazzale Toscanini. Denunciati tre giovani sinti

Non l’hanno passata liscia tre dei quindici giovani coinvolti nella maxi rissa andata in scena nella notte tra venerdì e sabato in piazzale Toscanini a Rimini. E pure per i loro complici il cerchio si sta stringendo. Per ora sono tre i ragazzi, tutti di etnia sinti e provenienti da Modena, che sono stati identificati e denunciati per rissa e danneggiamento aggravato a seguito della zuffa tra una quindicina di persone circa andata in scena alle 4.30 della notte tra venerdì e sabato in piazzale Toscanini e davanti a tantissimi testimoni, compreso uno che ha ripreso gli istanti più cruenti del parapiglia.

Secondo le ricostruzioni, la rissa sarebbe avvenuta all’uscita dei giovani da una discoteca nei paraggi, quando per motivi ancora in via di accertamento tra i gruppi è esplosa la bomba e i ragazzi hanno cominciato a colpirsi a vicenda a suon di cazzotti, calci e non risparmiandosi nemmeno colpi di bastone o lanci dei new jersey di plastica presi dalla strada.

Il tutto è stato immortalato dai turisti, ma anche da almeno tre telecamere di videosorveglianza già finite sotto la lente della squadra mobile di Rimini, con una quarta telecamera in via di acquisizione. Gli occhi elettronici di un bar, un ristorante e un apparecchio di sorveglianza comunale che puntano sulla zona del disastro hanno infatti immortalato i ragazzi coinvolti nella maxi rissa e le forze dell’ordine sono ora al lavoro per compiere un’operazione certosina volta a incastrare tutti quanti i coinvolti nell’accaduto a strettissimo giro di vite da dopo l’avvenimento dei fatti.

La squadra mobile, diretta dal commissario capo Marco Masia, insieme agli agenti delle Volanti sono al lavoro per dare un volto ai protagonisti dell’accaduto dopo che nell’immediatezza la notte scorsa l’arrivo tempestivo degli agenti ha fatto disperdere in fretta e furia il gruppo di facinorosi. Non abbastanza però per impedire che gli agenti ricostruissero gli spostamenti di alcuni di loro. Attraverso anche alle testimonianze di alcuni presenti che hanno assistito alla scena, così come dei buttafuori del locale da dove provenivano i ragazzi, la mobile ha risalito la china di alcuni componenti del gruppo e si è potuto appurare anche come due dei tre modenesi denunciati si fossero anche recati al Pronto soccorso di Rimini dopo la maxi rissa per farsi medicare le ferite riportate. Per i tre è dunque già scattata la denuncia, mentre il lavoro della questura continua per giungere all’identificazione completa di tutti i coinvolti.

f.z.