Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
12 apr 2022

"Nessuno ci ha mai presentato un progetto per l’avamporto"

L’assessore regionale alle Infrastrutture Andrea Corsini replica all’ultimatum di pescatori e diportisti. Avevano chiesto di procedere all’intervento di protezione dell’imboccatura, dopo l’ultima burrasca

12 apr 2022
mario gradara
Cronaca

di Mario Gradara

Nottata da incubo per la marineria riminese quella tra sabato e domenica, con banchine inondate dall’acqua e pescherecci in balia di vento e onde.

Pescatori e diportisti tornano a chiedere il nuovo avamporto: a che punto siamo?

"Io non ho mai ricevuto nessun progetto riguardante l’avamporto a Rimini", risponde Andrea Corsini, assessore regionale a Turismo e infrastrutture, porti compresi.

Prego?

"Ne abbiamo parlato un paio di mesi fa in un incontro a Rimini, cui hanno partecipato il sindaco Jamil Sadegholvaad con alcuni assessori, il sottosegretario alla giunta regionale Davide Baruffi, l’assessore regionale a Sicurezza e lavori pubblici Paolo Nanni, dove sono state presentate alcune slide e una planimetria".

Di avamporto si parla da anni.

"Ripeto, nessun progetto, nemmeno preliminare, è mai stato presentato. Serve per capire risorse necessarie, modalità e così via. Sono rimasto sorpreso nel leggere che il presidente della cooperativa pescatori e il presidente del Club nautico chiamino in ballo la Regione. E che il presidente Santolini che affermi che il progetto è fermo da tre anni nei nostri uffici. Non è fermo: non è mai arrivato".

Il presidente Stefano Bonaccini, in campagna elettorale, proprio al Club nautico, diede rassicurazioni a riguardo...

"L’incontro di due mesi fa è collegato agli impegni presi con la marineria riminese".

E come ’siete rimasti’, per così dire?

"Si è detto di aggiornarci quando ci sarà un progetto preliminare. Poi andrà definito quale sia l’investimento necessario, quale parte potrà conferire il Comune, quale la Regione e altri enti".

Scusi, ma la Regione non può muoversi di suo, a livello progettuale?

"La progettazione deve venire dal territorio. Come Regione ovviamente ’siamo sul pezzo’. Nel senso che ci occupiamo di finanziare gli interventi periodici di dragaggio che richiedono i vari porti regionali".

Tutto lì?

"C’è tanto altro. E oltre ai finanziamenti per i dragaggi, ci saranno anche quattro milioni di euro, da ripartire su tutti i porti regionali, per interventi di tipo strutturale".

Soldi che ovviamente non bastano, nè in quota nè probabilmente come cifra assoluta, per l’avamporto di Rimini?

"Assolutamente no".

È possibile inserire l’opera all’interno del Pnrr?

"Il Pnrr non prevede finanziamenti per le infrastrutture portuali. Comunque come Regione siamo disponibili a confrontarci con il Comune per trovare una soluzione".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?