Rimini, 28 agosto 2018 - A Misano si preparano già a ricordarlo con il ‘monumento’ preparato per lui. Un giardino con la stele in memoria di Nicky Hayden, affacciato davanti all’incrocio maledetto fra via Tavoleto e via Ca’ Raffaeli dove il campione di motociclismo è rimasto vittima dell’incidente che gli è costato la vita. Il giardino sarà inaugurato durante il weekend della MotoGp a Misano, dove si correrà il 9 settembre. Un mese dopo, il 10 ottobre, prenderà invece il via il processo contro il giovane di Morciano che investì Hayden. Ma nel frattempo la famiglia ha chiesto 6 milioni di euro di risarcimento al giovane che ha investito Nicky, morto il 22 maggio 2017, cinque giorni dopo il drammatico incidente a Misano.

La lettera con la richiesta di risarcimento è stata inviata agli avvocati del ragazzo, un 31enne di Morciano, alcune settimane fa. La famiglia di Hayden pretende l’importo massimo previsto dalle soglie minime di legge per i danni a persone provocati da incidenti stradali. Già l’anno scorso era arrivata, ai legali del giovane investitore, una lettera in cui si preannunciava la richiesta di danni. Ma allora non veniva ancora quantificato in alcun modo l’entità del risarcimento. Nel frattempo però l’inchiesta sulla morte del pilota americano è andata avanti. Ci sono state le perizie disposte dalla Procura, dai legali della famiglia del pilota e da quelli del ragazzo di Morciano. Il 13 giugno il gip ha deciso di mandare a processo il giovane per omicidio stradale. Secondo la Procura ci sarebbe stato un concorso di colpa da parte del giovane al volante della Peugeot che finì per travolgere Hayden. Perché è vero che il pilota, in sella alla sua bici, si era immesso in via Tavoleto da via Ca’ Raffelli senza rispettare lo stop – e ci sono anche alcuni filmati che lo documentano – ma il ragazzo alla guida della macchina non rispettava il limite di velocità: viaggiava a 72,8 km all’ora anziché ai 50, che è il massimo consentito in quel tratto. Secondo la tesi della Procura e dei familiari di Hayden, Nicky insomma si sarebbe potuto salvare, se il 31enne di Morciano avesse rispettato i limiti e moderato la velocità in prossimità dell’incrocio. Secondo la perizia disposta dai legali del ragazzo, Pierluigi Autunno e Francesco Pisciotti (e affidata al professor Alfonso Micucci), lo scontro con Hayden sarebbe stato inevitabile. «Nemmeno se la macchina fosse andata a 30 chilometri orari avrebbe potuto evitare il pilota».

L'incidente stradale dove è morto Nicky Hayden a Misano Adriarico

Ora saranno i giudici a stabilire le responsabilità del giovane investitore. I suoi legali hanno chiesto e ottenuto per lui il rito abbreviato. La sorella di Hayden, l’unica che si era costituita parte civile al processo, non ha accettato l’abbreviato ed è uscita dal procedimento. Ma la famiglia del pilota, qualche giorno dopo, ha deciso di avviare l’azione civile e chiedere il risarcimento per 6 milioni di euro. Una mazzata per il giovane morcianese, che dopo il terribile incidente non si è più ripreso. È ancora sotto choc e continua a essere seguito da uno psicologo. Impossibile per lui rimuovere il ricordo di quel pomeriggio del 17 maggio, quando si è trovato Hayden e non è riuscito a evitare l’impatto.