Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

"Più vigili e telecamere contro le baby gang"

Daniela Angelini fissa le priorità: 3,5 milioni da investire per la sicurezza. "Prime avvisaglie preoccupanti, non c’è tempo da perdere"

Daniela Angelini insieme ai rappresentanti della coalizione
Daniela Angelini insieme ai rappresentanti della coalizione

Investire 3,5 milioni di euro in sicurezza già nel 2022. Daniela Angelini presenta le sue carte, quelle del programma elettorale con il quale sfidare gli avversari e "pensare la Riccione dei prossimi 15 anni". Ma prima di guardare lontano, la candidata della coalizione composta da Coraggiosa, Pd, M5S, 2030, Uniamo Riccione e Riccione col cuore pone priorità ben precise da affrontare "nei primi giorni dalla futura giunta". Una di queste è la sicurezza. "Va rafforzata la polizia municipale. Ciò significa aumentare l’organico della polizia locale, implementare la videosorveglianza ed avere dei presidi sparsi sul territorio". Tutto questo "da subito perché abbiamo già visto le avvisaglie di ciò che può accadere in estate. Lo abbiamo vissuto e avremmo già dovuto prepararci la stagione scorsa. Sappiamo quali sono le zone più a rischio in città, sappiamo che il tema va affrontato. In stazione deve esserci un presidio fisso e i ragazzi che giungono sui treni pieni nei weekend vanno identificati al loro arrivo". Altra priorità è viale Ceccarini. "Non c’è dubbio che vada avviato un percorso condiviso per una importante rigenerazione futura, ma serve anche un’azione immediata visto lo stato in cui si trova. Non si può continuare con una pavimentazione così, una simile gestione del verde e la scarsa cura dei dettagli". Urbanistica. Oltre all’area centrale a mare e al porto ("C’è un lavoro fatto dall’architetto Franchini da cui partire modificandolo") andranno ripensati anche viali e quartieri (viale Dante, il d’Annunzio, l’Abissinia, la Punta dell’Est, San Lorenzo, Fontanelle, Spontricciolo, Marano e Raibano). L’idea che sta alla base delle scelte della coalizione della candidata è quella di "considerare tutta la città nel suo insieme. Non si può più intervenire in una zona o quartiere senza pensare al resto. Serve anche una armonia estetica in città". Saranno scelte condivise con comitati, consorzi e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?