Porte aperte ai musei di Mondaino. La cultura è un gioco da bambini

I musei di Mondaino aprono le loro porte ai bambini e alle loro famiglie. Visita guidata e laboratorio per ricostruire tavole da gioco medievali. Prenotazione obbligatoria al 366 2078470.

I musei di Mondaino spalancano le loro porte ai bambini e alle loro famiglie. Un’occasione per avvicinare i più piccoli alla scoperta di alcuni temi della collezione del museo con l’augurio che questo itinerario doni a tutti un’esperienza significativa. "Sotto a chi tocca" è l’evento rivolto ai bambini dai 19 ai 13 anni in programma oggi a partire dalle 16. L’iniziativa prevede una visita guidata a Porta Maggiore, la porta d’ingresso al castello, ed una attività di laboratorio ideato e condotto dall’archeologa Elisa Marzi, guida turistica della regione Emilia Romagna e operatrice didattica del museo. In passato hanno varcato Porta Maggiore personaggi influenti della storia come Carlo e Sigismondo Pandolfo Malatesta , Cesare Borgia, il poeta Giovanni Muzzarelli, il pittore Giorgio Picchi, Papa Clemente XIV, Garibaldi, il regista Dario Fo, Giuseppe Tornatore e Fabio De Luigi, lo storico Giancarlo Susini ed altri ancora. La visita si sviluppa inizialmente nella torre portaia dove l’allestimento ricostruttivo permetterà di immaginare come si svolgeva la giornata di un armigero e scoprire le attività, oltre a quelle militari, che si potevano praticare. In seguito ci si sposterà in laboratorio per provare a ricostruire alcune tavole da gioco medievali. Prenotazione obbligatoria al 366 2078470.