Quotidiano Nazionale logo
21 gen 2022

Positiva al Covid, muore a soli 31 anni a Riccione

Non ce l’ha fatta Beatrice Savioli, che si è spenta ieri in ospedale: la giovane riccionese soffriva anche di altre patologie

manuel spadazzi
Cronaca
La giovane riccionese è morta ieri mattina in ospedale
La giovane riccionese è morta ieri mattina in ospedale

Riccione, 21 gennaio 2022 - Non ce l’ha fatta Beatrice Savioli. La giovane riccionese, ricoverata da un paio di settimane, si è spenta ieri mattina a soli 31 anni. Aveva preso il Covid, che ha complicato il suo stato di salute, già messo a dura prova da altre patologie. La notizia della sua prematura scomparsa ha fatto presto il giro della città di Riccione, e non solo. Perché Beatrice era una ragazza molto conosciuta e amata. I suoi familiari e gli amici hanno sperato e pregato per lei fino all’ultimo momento, ma purtroppo non c’è stato niente da fare. Beatrice soffriva di altre patologie pregresse. Poi è rimasta contagiata dal virus, e la situazione si è aggravata di giorno in giorno. Due settimane fa il ricovero in ospedale. Nonostante gli sforzi dei sanitari, la situazione è precipitata e ieri mattina è diventata irreversibile. Beatrice lascia i genitori e la sorella, distrutti dal dolore. "Mia figlia – dice il padre – soffriva purtroppo già di altri problemi di salute. E’ rimasta contagiata dal virus, ed è stata ricoverata in ospedale. I medici hanno fatto tutto quello che potevano per salvarla, purtroppo la situazione si è aggravata per le complicazioni causate anche dal virus e non c’è stato nulla da fare". I genitori e gli altri familiari sono chiusi nel dolore. Ieri tantissimi amici, appena appresa la notizia, hanno voluto fare le condoglianze alla famiglia di Beatrice. "Avevo sentito il padre tre giorni fa – racconta un’amica di famiglia – Sapevamo delle condizioni di Beatrice, della situazione che si era aggravata. Abbiamo sperato fino all’ultimo minuto che potesse guarire, poi ieri è arrivata la tragica notizia". Diplomata al liceo classico, laurea in economia dell’impresa, la giovane riccionese aveva lavorato anche come babysitter. E tra le famiglie che, per questo motivo, avevano avuto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?