Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
17 ott 2019

Prince Riccione, ecco chi è il nuovo gestore

Raggiunto l’accordo: il gruppo Cipriani brinda. Alla storica famiglia di imprenditori veneti e al patron del Muretto di Jesolo la gestione della discoteca

17 ott 2019
nives concolino
Un’immagine di repertorio del Prince
Un’immagine di repertorio del Prince
Un’immagine di repertorio del Prince
Un’immagine di repertorio del Prince

Riccione, 18 ottobre 2019 - Altro colpo di scena nel mondo della notte riccionese. Il gruppo Cipriani, che ha ristoranti e alberghi di lusso in tutto il mondo, assieme a Tito Pinton, proprietario della mitica discoteca Il Muretto di Jesolo, si appresta a ridare vita al Prince, dopo decenni di gloria caduto nell’oblio. Gli stessi imprenditori veneti, in un primo momento avevano valutato l’ipotesi del Cocoricò dei fratelli Spadini che come anticipato dal Carlino, hanno poi siglato l’accordo con Enrico Galli, patròn dell’Altromondo Studios e del Rimini Beach Arena. La riapertura del tempio del ballo, uno dei più rinomati della collina riccionese, è prevista a fine maggio. Come confermano le parti, il contratto con la società proprietaria della quale fanno parte gli imprenditori riccionesi Sergio Lazzaretti e Luigi Pritelli, è già stato redatto, si attende la firma a brevissima scadenza, ma l’accordo è stato già raggiunto.

Dopo un periodo di affitto prevede l’opzione dell’acquisto. Il Prince, pur cambiando nome, continuerà a essere una discoteca e a mantenere la ristorazione con catering, ma offrirà molto di più. Ospiterà una club accademy per produzioni musicali con la collaborazione di Albertino e dell’emittente che dirige, Radio m2o, «sorella» di Radio Deejay. «Con Cipriani in febbraio apriremo un locale a New York , da lì la decisione di investire anche a Riccione per creare un brand molto importante in campo internazionale, quindi entrambi porteranno lo stesso nome, che sveleremo più avanti– annuncia Pinton –. L’operazione avrà ampio respiro perché l’investimento a Riccione sarà molto importante e di grande prestigio per tutta la riviera romagnola. Non faremo ristorazione, se non nel campo del catering e del marketing per riunioni private e aziendali.

La ristorazione infatti fa parte di un altro settore del gruppo Cipriani, che non riguarda me, gestore del locale». In questa operazione con Radio m2o della società Gedi gruppo editoriale collaborerà anche Albertino, che la dirige dallo scorso marzo, dopo 35 anni di Radio Deejay, guidata dal fratello Linus. «Alberto sarà coinvolto con me nella programmazione e nella direzione artistica in particolare per la parte musicale – svela Pinton –. Come a New York, all’interno faremo pure una club accademy con degli studi di registrazione, cosa che conferirà al locale anche un aspetto culturale. Si tratta di uno spazio nel quale daremo la possibilità ai giovani di produrre e imparare a produrre musica, soprattutto dance, e a diffonderla. Si farà formazione e piccoli meeting. Questo sarà fatto con la radio e con Albertino, ci sarebbe pure l’idea di portare nella discoteca uno studio per le trasmissioni estive di Radio m2o. Insomma, non solo ballo».

Le idee sono tante e Pinton, come un fiume in piena, rivela ancora: «Contiamo di ristrutturare il locale, comunque molto bello, ad ampio respiro e con tutti i tipi di musica, facendo anche un importante intervento sul giardino, chiaramente seguiremo le nuove normative e le indicazioni del Comune». Su Galli che in società con Bevitori riaprirà il Cocco, per Pasqua o al massimo prima dell’estate, Pinton commenta: «Meglio, perché due giostre in un parco divertimento portano più gente, il mercato non si fa mai da soli. Noi abbiamo preferito la strada del Prince. Riccione è al centro d’Italia, cercheremo di fare del nostro meglio. E’ chiaro che avendo alle spalle un socio imprenditore come Cipriani (con attività a Venezia, Dubai, Hong Kong, Ibiza, fino a Riyadh, Miami, Mexico City, Mosca, New York), è più semplice. A Jesolo gestisco Il Muretto da 23 anni, sono abituato a lavorare in ogni occasione con la comunità e le forze dell’ordine».

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?