Davide Ugolini, il macellaio di Misano in posa davanti al manifesto a Riccione
Davide Ugolini, il macellaio di Misano in posa davanti al manifesto a Riccione

Riccione, 9 gennaio 2019 - Impossibile non vederli. Due grandi fondoschiena in bella mostra su un cartellone pubblicitario sei metri per tre a ridosso del casello autostradale a Riccione. E’ questa la trovata di un macellaio di Misano per promuovere la propria attività. "Da noi solo carne di prima qualità", dice Davide Ugolini. Dalla sua mente nasce l’idea del raffronto sbattuto sul cartellone tra un fondoschiena attraente e un altro che lo è decisamente meno.

Il tutto condito dal logo dell’attività e dalla scritta: ‘La carne non è tutta uguale, Macelleria Ugolini’. Il cartellone è stato attaccato nella serata di martedì e ieri le auto rallentavano nel passargli davanti. Alcuni hanno riso, altri lo hanno fatto molto meno. Alle persone che cominciano a sentirsi offese Davide Ugolini ribatte così: "Qualcuno o qualche donna potrebbe dire ‘come si permette a fare una simile pubblicità?’. Ma, dico io, la carne non è tutta uguale. Ci sono delle differenze, e con questa pubblicità volevo rifarmi a queste. Per noi la qualità viene prima di tutto".

Ugolini, lei non è nuovo a pubblicità che colpiscono, ma questa volta...
"Sono un po’ bizzarro. In famiglia sono io quello con una mente un po’ stravagante. In passato ho fatto altre pubblicità che attiravano l’attenzione. Una delle ultime mi vedeva a mezzo busto, nudo, con le frecce a identificare i tagli della carne, dalle costolette al lombo".

Ieri in quanti l’hanno chiamata?
"Tanti conoscenti. Mi hanno chiesto: ma cos’hai fatto? Ma in modo amichevole".

Potrebbero esserci anche persone urtate da tanta ‘chiarezza’.
"Senza dubbio è una pubblicità che attira l’attenzione. Il mio obiettivo è solo uno, far presente che le carni non sono tutte uguali. Ci sono troppe persone che lasciano passare e acquistano prodotti di scarsa qualità dicendo che in fondo è uguale. Ed invece non è uguale, costa meno, e non è la stessa cosa. La mia famiglia, perché la nostra è una attività di famiglia iniziata con mio padre, è sempre stata attenta alla qualità. Ed è quello che faccio ancor oggi".

Torniamo al manifesto. In famiglia nessuno ha sollevato obiezioni?
"Gli ho detto del cartellone pubblicitario quando è stato affisso".

Come l’hanno presa?
"Beh, è una pubblicità che fa effetto, ma in fondo anche loro hanno detto che la differenza tra carne e carne c’è, quindi il raffronto è reale. Il paragone ci può stare". I fondoschiena rimarranno dove sono in una strada dove i doppi sensi si sprecano. Poco più avanti c’è un parco acquatico che ha chiamato un’attrazione Strizzacool, mentre per promuovere uno degli scivoli di Aquafan c’è un cartellone con su scritto ‘il più grande e il più lungo della storia’.

AGGIORNAMENTO Rimossa la pubblicità