Quotidiano Nazionale logo
13 mag 2022

Richieste

L’allarme di alcuni residenti di via Castellabate, "la strada più bella di Bellaria Igea Marina"

Paolo Venturi, uno dei residenti della ’strada più bella’ della città
Paolo Venturi, uno dei residenti della ’strada più bella’ della città
Paolo Venturi, uno dei residenti della ’strada più bella’ della città

"Salvate via Castellabate, la via più bella di Bellaria Igea Marina, che rischia di perdere una parte delle sue oltre quattrocento piante, quasi tutti platani e tigli". Il grido d’allarme viene da Paolo Venturi, che in quell’angolo di paradiso - un viale che farebbe un figurone in qualsiasi capitale europea, posto all’intersezione con via Garibaldi, dal mare alla Statale Adriatica - ci abita e ci lavora nella sua azienda. "Anzitutto bisogna intervenire per rimuovere l’edera che sta assalendo una parte delle essenze arboree – afferma Venturi –, e bisogna farlo prima che la pianta si estenda troppo, altrimenti è tardi e le toglie la linfa vitale, letteralmente. Poi ci sono i fossi di scolo laterali che sono murati, e quando piove si creano grosse pozze. Inoltre molti alberi hanno rami secchi, e andrebbero sistemati, così come si dovrebbe ripulire l’area intorno a molte piante, ’assalite’ da sterpagli ed erbacce. Ma non spetta al Comune: uno dei problemi ’storici’ di via Castellabate è che si tratta di un viale privato. I frontisti sono tenuti a occuparsene, asfaltatura compresa (che in diversi tratti lascia parecchio a desiderare) e non tutti lo fanno. "Sarebbe bello che ciascuno facesse la sua parte, intanto ho chiesto l’intervento dell’amministrazione comunale per animare la strada con mostre e mercatini – continua – facendola conoscere ai cittadini di Bellaria Igea Marina, e non solo, che in gran parte probabilmente non la conoscono". A metà viale è ben visibile l’antica falesia, il dislivello tra il terreno più a mare e quello più a monte. Alcuni residenti hanno chiesto da tempo che l’amministrazione comunale si prende in carico il viale, ma sembra una ipotesi difficile da percorrere. "La precedente amministrazione si è mostrata attenta – prosegue Venturi – ed ha provveduto a riasfaltare la strada, e installare l’illuminazione. Anche con questa ci sono stati alcuni incontri, e sono stati presentati dei progetti, che ci auguriamo partano dall’autunno". Martedì si è svolto un nuovo incontro tra l’assessore all’Ambiente, Adele Ceccarelli, e lo stesso Venturi. "E’ una zona non adeguatamente valorizzata, una via bellissima, di grande pregio naturalistico e ambientale – dice l’assessore –. Intendiamo valorizzarla, stiamo studiando di fare mostre, mercatini e altre iniziative da dopo l’estate, magari legate alla festa dell’albero, vedremo. Quanto alla manutenzione, pericoli non risultano,l’edera va certo tolta, ma il viale a nostro avviso è di interesse paesaggistico. Gli uffici lavorano per prepararne la candidatura alla Regione appunto come viale di interesse paesaggistico. In quel modo si prenderebbe anche carico della manutenzione".

Mario Gradara

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?