San Valentino di botte. Picchia e poi minaccia con un fucile a pallini la fidanzata e il papà

Un 24enne bellariese è finito in manette anche per l’accusa di spaccio. I carabinieri intervenuti per i maltrattamenti gli hanno poi trovato in casa. una coltura di funghi allucinogeni e quasi quattro etti di hashish.

San Valentino di botte. Picchia e poi minaccia con un fucile a pallini la fidanzata e il papà

San Valentino di botte. Picchia e poi minaccia con un fucile a pallini la fidanzata e il papà

di Francesco Zuppiroli

San Valentino di botte. Quello che è stata costretta a vivere una giovane ragazza, malmenata e strattonata per i capelli dal fidanzato 24enne. Questo è quanto secondo le accuse sarebbe stato inflitto proprio nel giorno degli innamorati a una ragazza ventenne da parte di chi avrebbe invece dovuto prendersi cura di lei. Ma non è tutto. I maltrattamenti nei confronti della fidanzata, che hanno fatto scattare l’allarme, sarebbero infatti risultati essere nient’altro che la punta di un iceberg di violenza e minacce che avrebbero coinvolto in passato anche l’anziano padre 80enne del ragazzo. Mercoledì è stato d’altronde proprio il papà a chiamare i carabinieri su disperata richiesta della giovane ragazza, finita ancora una volta nel mirino del fidanzatino violento che già l’aveva spinta e tirata per i capelli.

Nell’abitazione del 24enne a Bellaria-Igea Marina si sono così precipitati immediatamente i carabinieri, ai quali è apparso subito chiaro il presunto regime di terrore instaurato tra le mura domestiche dal 24enne. Stando infatti a quanto riferito poi dall’anziano padre del ragazzo ai militari dell’Arma – a cui l’uomo ha formalizzato la denuncia-querela per i maltrattamenti subiti – l’ottantenne e la giovane ragazza da diverso tempo sarebbero stati bersagli della furia del 24enne terribile, il quale in più di una occasione sarebbe anche arrivato a minacciare di morte il papà e la compagna puntando persino contro di loro un fucile caricato a pallini (poi scovato e sequestrato dai carabinieri della stazione di Bellaria-Igea Marina) urlando: "Ora vi sparo a tutte e due".

Ma non è stato solo il fucile a pallini a venire sequestrato dai militari intervenuti. Arrivati nell’abitazione degli orrori per una segnalazione di presunti maltrattamenti, i carabinieri hanno poi setacciato la casa centimetro per centimetro, arrivando a trovare in cucina in bella vista quattro vaschette all’interno delle quali si trovavano dei funghi ritenuti poi dalle forze dell’ordine potenzialmente allucinogeni, oltre a quattro panetti, riposti in camera da letto, contenenti altra sostanza stupefacente di tipo hasish, per un complessivo di quasi quattro etti di droga, oltre a un bilancino di precisione, un coltello per il taglio della sostanza e tutto il materiale necessario per il confezionamento dello stupefacente.

Dopo aver sequestrato il tutto, i carabinieri di Bellaria-Igea Marina hanno quindi dichiarato in arresto per i reati di maltrattamenti in famiglia e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente il 24enne violento, che è stato successivamente e su disposizione del pm di turno Annadomenica Gallucci trasferito nella casa circondariale di Rimini, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto che si terrà oggi davanti al giudice per le indagini preliminari.