Quotidiano Nazionale logo
29 apr 2022

Sciopero

La sindaca Alice Parma difende gli autisti impegnati per Amazon. La Cgil denuncia le condizioni di lavoro

Un momento della manifestazione dei dipendenti tra bandiere e striscioni
Un momento della manifestazione dei dipendenti tra bandiere e striscioni
Un momento della manifestazione dei dipendenti tra bandiere e striscioni

Gli autisti di Amazon ieri sono tornati a consegnare i pacchi. Ma non si spengono gli echi dello sciopero di mercoledì, che ha visto scendere in strada i corrieri delle ditte a cui è affidato il servizio di consegna.

A differenza dello sciopero nazionale che era stato organizzato un anno fa, la mobilitazione dell’altro ieri ha riguardato solo i lavoratori che si trovano nella sede di Santarcangelo. Una protesta che la dice lunga sul malessere che serpeggia tra i circa 250 autisti che lavorano per il polo clementino del colosso.

Per questo è intervenuta anche la sindaca di Santarcangelo Alice Parma. Che ha voluto esprimere "solidarietà ai lavoratori della filiera legata allo stabilimento di Santarcangelo". Ha poi assicurato: "Resta massimo l’impegno dell’amministrazione comunale nel proseguire il confronto" sia con Amazon sia con le aziende a cui è appaltato il servizio di consegna.

Lo sciopero di mercoledì è stato organizzato dalla Cgil, per denunciare le condizioni di lavoro a cui – attacca il sindacato – sono sottoposti i lavoratori: "Gli autisti sono costretti a fare dei turni massacranti, fanno in media una consegna almeno ogni 2 minuti e 30 secondi – ha rivelato la Cgil – E spesso devono pagare di tasca propria nel caso in cui arrivino delle multe o se si dovessero verificare degli incidenti durante i turni di lavoro". E la Parma, ricordando le tappe del confronto (a livello nazionale) tra Amazon e i sindacati, promette: "Non lasceremo soli i lavoratori".

Per la prima cittadino di Santarcangelo lo sciopero e la protesta dell’altro ieri dimostrano come i problemi contrattuali e organizzativi per i corrieri non siano ancora risolti.

"I sindacati richiamano Amazon a una maggiore responsabilità. E il Comune – promette la Parma – vuole continuare a fare la propria parte. Proseguiremo il confronto periodico tra l’amministrazione, Amazon, le aziende e sindacati. Faremo la nostra parte anche nei tavoli istituzionali e nelle sedi di confronto con l’assessore regionale al lavoro Vincenzo Colla".

Non attacca direttamente la direzione di Amazon, la Parma, ma il messaggio è stato chiaro. Il Comune di Santarcangelo, che si è assunto la responsabilità di permettere lo sbarco di Amazon in città, pretende garanzie e tutele per i lavoratori. Anche per quelli che non sono alle dirette dipendenze del colosso, ma di cui Amazon, secondo la sindaca, non può non prendersi cura.

Manuel Spadazzi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?