Centinaia di persone nel tardo pomeriggio di ieri si sono riversate nel centro di Riccione per assistere all’accensione delle luminarie, in concomitanza con l’apertura delle casette natalizie e della pista di pattinaggio su ghiaccio. Scampato il temuto assembramento di persone. In assenza del tradizionale evento che con performance di pattinatori e artisti di strada accompagnava sempre l’inaugurazione del villaggio natalizio, le persone...

Centinaia di persone nel tardo pomeriggio di ieri si sono riversate nel centro di Riccione per assistere all’accensione delle luminarie, in concomitanza con l’apertura delle casette natalizie e della pista di pattinaggio su ghiaccio. Scampato il temuto assembramento di persone. In assenza del tradizionale evento che con performance di pattinatori e artisti di strada accompagnava sempre l’inaugurazione del villaggio natalizio, le persone sono confluite in viale Ceccarini e strade limitrofe abbastanza in ordine, senza i temuti intoppi. Momento più intenso e a rischio quello della neve artificiale programmato in quattro precisi orari: alle 17, alle 18, alle 19 e alle 20. Nonostante a Riccione non sia d’obbligo all’aria aperta, tante persone, giovani e adulti, hanno comunque indossato la mascherina per strada. La magia del Riccione Christmas Star ha incantato come sempre i bambini con gli occhi puntati soprattutto sulla maxi stella del Natale e sui quattordici abeti luminosi che assieme al bianco tappeto coperto dal tetto formato da oltre quattrocento mila luci led bianche ghiaccio, conferiscono al ’salotto’, un’atmosfera natalizia. Primi pattinatori intanto sulla pista di ghiaccio che tra musica e giochi di luce, con i suoi 675 metri quadrati di superficie, si dipana in piazzale Roma tra la parte coperta, (300 metri quadrati), a ridosso della fontana di Tonino Guerra e le due braccia che avvolgono lo stesso Bosco della Pioggia.

In contemporanea ieri si sono accese tutte le luminarie nelle altre zone della città, dal Paese a San Lorenzo, e si sono illuminati gli allestimenti curati da Geat anche nei viali Dante e Tasso, come pure a Fontanelle, all’Abissinia, all’Alba e alla Punta dell’Est, fino agli Angeli Custodi, Spontricciolo e le rotatorie, costellate di pini e stelle, fino a quelle in prossimità del casello autostradale. Ora si attende l’apertura della Casina di Babbo Natale, il 4 dicembre in viale Ceccarini, e l’accensione dell’albero sul porto canale, in contemporanea con l’inaugurazione sull’adiacente banchina del presepe firmato da Fontanini. L’appuntamento è per l’8 dicembre, giorno in cui si terrà pure la premiazione del San Martino d’Oro della Città di Riccione.

Nives Concolino