Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

L'arresto di Guerlin Butungu, 20 anni, presunto capo branco di Rimini (foto Migliorini)

Rimini, 27 settembre 2017 - Guerlin Butungu ha confessato. Lo ha fatto nel carcere di Villa Fastiggi di Pesaro, parlando per quasi tre ore davati al pubblico ministero e ha detto di essere pentito.

Il ventenne congolese è ritenuto il capo del branco che la notte del 26 agosto ha seminato il terrore sulla spiaggia di Rimini, rapinando e stuprando prima una turista polacca e poi riservando lo stesso feroce trattamento a una trans peruviana incontrata sulla Statale Adriatica all’altezza della discoteca Altromondo. Quattro giorni fa aveva anticipato di voler confessare tutto al magistrato.

Assistito dagli avvocati Mario Scarpa e Ilaria Perruzza, ha ammesso di aver violentato le due donne, di aver compiuto la rapina del 12 agosto ai danni di una coppia di Legnano con la tentata violenza nei confronti della ragazza, e di aver partecipato a un'altra rapina la stessa notte degli stupri. Dal carcere ha poi negato di essere il capo del branco. 

Nella sua prima versione dei fatti, Butungu aveva raccontato agli agenti, mentre gli infilavano le manette ai polsi, "Dormivo, non ho fatto nulla". "Ho cercato di evitare gli stupri, ho solo tenuto fermo il ragazzo polacco per evitare che gli altri tre lo massacrassero di botte", aveva, invece, poi spiegato al gip Vinicio Cantarini durante l’interrogatorio di garanzia. Ora arriva la confessione

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.