Dopo gli esposti tra colleghi, sono scattate le multe da 1.032 euro
Dopo gli esposti tra colleghi, sono scattate le multe da 1.032 euro

Rimini, 14 agosto 2019 - La guerra delle ombre ha fatto le prime vittime. Sono già una decina gli stabilimenti balneari di Rimini multati per aver piantato troppi ombrelloni rispetto a quelli consentiti. Le sanzioni sono arrivate in seguito ai primi controlli eseguiti in questi giorni da polizia municipale e capitaneria di porto, intervenuti dopo i numerosi esposti presentati da bagni vicini. Controlli che si concentrati, in questa fase, nella zona di Rimini sud, in particolare tra Bellariva, Marebello e Rivazzurra, dove maggiori sono state le segnalazioni. Una decina di bagni sono risultati effettivamente in regola. Tra quelli sanzionati, c’è chi aveva messo anche 50 o 60 ombrelloni in più rispetto al numero consentito, stabilito dalle norme del Comune di Rimini bagno per bagno sulla base della superficie utile. La multa è di 1.032 euro, e le notifiche per i ‘furbetti’ dell’ombra sono già partite. «Ora vedremo se l’amministrazione comunale, oltre alla multa, prenderà ulteriori provvedimenti. Perché c’è chi, nonostante la sanzione, continua imperterrito a tenere più ombrelloni in spiaggia», dicono due dei bagnini che hanno fatto gli esposti. Anche la cooperativa bagnini, prima delle verifiche, aveva invitato tutti gli associati a mettersi in regola: non è bastato a fermare il fenomeno. E i controlli di polizia e capitaneria non sono ancora terminati: stando alle segnalazioni almeno una quarantina di stabilimenti dal porto a Miramare avrebbe ‘sforato’ il numero massimo di ombrelloni, ma ci sono stati esposti anche per alcuni bagni nella zona nord.

Bagnini nel mirino anche della guardia di finanza. Che da giugno ha controllato 41 stabilimenti (in tutta la Riviera) per verificare se facevano regolare scontrino. Ben 34 sono stati sanzionati, per varie irregolarità. Tra loro c’è chi non ha fatto scontrini per lettini e ombrelloni per la singola giornata, altri hanno incassato completamente in nero i soldi per gli abbonamenti. «Grazie ai controlli – segnala la guardia di finanza – sono stati scovati incassi in nero per un totale di oltre 10mila euro, di cui mille soltanto in uno stabilimento». Ora tutti i bagnini ‘pizzicati’ dalle fiamme gialle saranno segnalati all’Agenzia delle entrate, per i dovuti provvedimenti. I controlli della guardia di finanza andranno avanti anche nei prossimi giorni.