I protagonisti del convegno di Rimini (PasqualeBove)
I protagonisti del convegno di Rimini (PasqualeBove)

Rimini, 9 ottobre 2019 - «L’Italia tra le nubi fa proseliti: i turisti stranieri, 3,4 milioni lo scorso anno, liberano lo spirito avventuroso nel Belpaese all’insegna della vacanza attiva». Lo ha detto Giovanni Bastianelli, direttore esecutivo di Enit, nella conferenza moderata dal condirettore de ‘il Resto del Carlino’ Beppe Boni, nella BeActive Arena della fiera Ttg di Rimini, inaugurato oggi, con Sia e Sun, dal Sottosegretario al Turismo Lorenza Bonaccorsi.

«La montagna la fa da padrona – ha aggiunto Bastianelli – e nel 2018 ha portato nella penisola 3,4 milioni di turisti internazionali (+3,7% sul 2017) e quasi 15 milioni di pernottamenti. I turisti internazionali spendono oltre un milione e mezzo di euro in Italia ogni anno e ogni giorno circa 107 euro pro-capite. La vacanza montana consente di coprire ogni periodo dell’anno con proposte per ogni target».

Gli altri ospiti erano Federico Pellegrini, fondista e campione mondiale sprint a Lahti 2017, vincitore di una Coppa del Mondo Sprint; con lui Piero Gros, ‘Pierino la peste’ dello slalom, eroe della Valanga azzurra guidata da Gustav Thoeni, il vincitore più giovane di una gara di Coppa del Mondo di sci alpino maschile a soli 18 anni. Nel suo palmares una Coppa del Mondo generale (impresa riuscita tra gli italiani solo a lui, Thoeni e Alberto Tomba) e della Coppa del Mondo di slalom gigante, nonché - tra i tanti trofei - l’oro olimpico a Innsbruck 1976.

Sul palco anche Simone Origone, atleta più titolato nella storia dello speed ski. Ha detenuto il record mondial di velocità con gli sci, a oltre 250 chilometri orari. In estate si dedica a scalate sulle montagne della Valle d’Aosta: nel 2007 ha scalato in 17 ore e 40 minuti tutti i 4000 del Monte Rosa e il Cervino! Infine, Luigi Alverà, vicesindaco di Cortina d’Ampezzo, che si è occupato della candidatura di Cortina, dove nel 2021 si terrano i Campionati del Mondo di sci alpino, e i XXV Giochi Olimpici invernali nel 2026, in forma congiunta con Milano.