Molte donne sono in attesa di avere gli esiti dei test Hiv
Molte donne sono in attesa di avere gli esiti dei test Hiv

Rimini, 22 novembre 2019 - Hanno trovato di tutto dentro il pc del trentunenne brasiliano sieropositivo, finito agli arresti domiciliari per aver contagiato una sua partner e aver avuto rapporti non protetti con almeno altre due donne. Ma ci sono altre quindici donne (ancora tutte da identificare) che potrebbero essere state infettate dall’uomo. Nonostante sapesse di essere sieropositivo, il 31enne non si è mai sognato di dirlo alle ragazze con cui faceva sesso, né di usare alcuna protezione. Dentro al suo computer gli esperti della Procura hanno, infatti, trovato materiale che è stato definito ’raccapricciante’. Non solo aveva immortalato scene di sesso non protetto, da lui praticato con diverse partner, ma tra i file che sono venuti alla luce anche a carattere pedo pornografico.

Leggi anche Incubo Aids per almeno 15 donne. "Telefonate disperate"

Il brasiliano, infatti, aveva archiviato, con una precisione maniacale, video e foto ritraenti rapporti sessuali con protagonisti (o, per meglio dire, vittime) bambini e bambine in tenerissima età. E’ stato necessario un hard disk per contenere tutto il materiale che è stato sequestrato e che è stato inviato, per competenza, alla Dda di Bologna. La presenza di questa mole di immagini gli è valsa un’altra denuncia: stavolta il reato che gli è arrivato sulla testa è quello di detenzione di materiale pedopornografico. Per il brasiliano il sostituto procuratore, Paolo Gengarelli, titolare dell’inchiesta, ha già chiesto il rito immediato. Ha, invece, rinunciato all’incarico il suo difensore, l’avvocato Paolo Pescatore del foro di Forlì.

A fermare il 31enne brasiliano era stata la sua ultima convivente, una riminese, che nell’agosto scorso aveva scoperto, per caso, che la persona con cui viveva era affetta da Hiv. Soprattutto era venuto fuori che il suo compagno l’aveva sempre tenuta all’oscuro sulla sua condizione, esponendola al pericolo del contagio. La riminese si era decisa a denunciarlo soprattutto per salvare la vita ad altre donne, e aveva fornito ai carabinieri il nome di altre tre ragazze che lui aveva frequentato. Sono state contattate tutte, due di queste stanno ancora aspettando i risultati definitivi degli esami, mentre la terza ha contratto il virus. Dopo che la notizia era apparsa sui giornali, in molte avevano chiamato il numero 0541-68528 per avere informazioni sulla vicenda, soprattutto per essere rassicurate. Lui, il brasiliano sieropositivo, per ora resta ai domiciliari, in silenzio.