Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
7 ago 2021

"Vado in America a creare nuovi vaccini"

L’immunologo riminese Gorini arruolato dalla Università di Harvard: "Il lavoro fatto per Astrazeneca mi ha aperto tante porte"

7 ago 2021
Giacomo Gorini, 32 anni: la settimana prossima si trasferirà negli Usa per lavorare ad Harvard
Giacomo Gorini, 32 anni: la settimana prossima si trasferirà negli Usa per lavorare ad Harvard
Giacomo Gorini, 32 anni: la settimana prossima si trasferirà negli Usa per lavorare ad Harvard
Giacomo Gorini, 32 anni: la settimana prossima si trasferirà negli Usa per lavorare ad Harvard
Giacomo Gorini, 32 anni: la settimana prossima si trasferirà negli Usa per lavorare ad Harvard
Giacomo Gorini, 32 anni: la settimana prossima si trasferirà negli Usa per lavorare ad Harvard

Hanno cercato di convincerlo a correre per le comunali. Ma Giacomo Gorini, il giovane immunologo riminese che ha lavorato a Oxford sul vaccino di Astrazeneca, ha detto no perché ha di nuovo le valigie pronte. La settimana prossima Gorini tornerà negli Stati Uniti (dove ha già lavorato in passato, a Washington) per studiare e progettare nuove tecnologie per i vaccini all’università di Harvard. "Dopo essere stato a Cambridge e Oxford in Inghilterra, essere chiamato a lavorare ad Harvard, tra i più prestigiosi atenei americani, mi riempie di orgoglio", ammette Gorini. Quale sarà il suo compito? "Svilupperò metodi e tecnologie che consentiranno di mettere a punto nuovi vaccini in tempi rapidi. Oggi servono contro il Covid, domani ci saranno altri virus da combattere". Un progetto partorito nei mesi in cui ha lavorato per il vaccino Astrazeneca? "Sì, tutto è partito da quel periodo. Nei mesi successivi ho deciso di lasciare Oxford prima della fine del contratto. La cittadina mi andava stretta, volevo dedicarmi a nuovi progetti, tant’è che mi ero iscritto a un corso a Londra". Com’è arrivata la chiamata da Harvard? "Ho parlato del mio progetto a un noto ricercatore che insegna in America, vincitore del Nobel. E’ stato lui a segnalarmi poi a un professore di Harvard, che è stato suo allievo. Mi ha contattato e mi ha invitato ad andare a lavorare per loro. Sarò al Ragon Institute: è tra i principali centri di ricerca americani e lavora per l’università di Harvard, il Mit (il Massachusetts Institute of technology) e il policlinico universitario del Massachusetts". Ancora una volta si trasferirà all’estero: per sua scelta o perché mancavano le alternative in Italia? "Di proposte me ne sono arrivate tante, anche qui in Italia. Non nascondo che la pandemia e il lavoro a Oxford su Astrazeneca mi hanno cambiato la vita. L’offerta di Harvard è stata la ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?