Vasca sul Ventena, partono gli espropri

Primo passo per la realizzazione dell’infrastruttura di contenimento del fiume a San Giovanni. Il sindaco Morelli: "A giugno i primi lavori"

Vasca sul Ventena, partono  gli espropri

Vasca sul Ventena, partono gli espropri

La grande vasca di laminazione sul fiume Ventena in zona ex-fornace di San Giovanni in Marignano potrebbe essere l’ultimo significativo regalo del sindaco Daniele Morelli alla propria città dopo 10 anni di legislatura. Il primo cittadino marignanese, infatti, conferma che in queste settimane sono partiti gli espropri dei terreni sui quali sorgerà l’opera, per un intervento fondamentale per tutto il territorio, non solo di San Giovanni. "In questi giorni – spiega il sindaco marignanese Daniele Morelli – sono partiti gli avvisi di esproprio per i terreni dove avverranno i lavori da 7 milioni di euro a carico della Regione. L’Agenzia per la sicurezza territoriale e Protezione Civile me lo ha confermato. Non credo che l’intervento vero e proprio, a questo punto, potrà avvenire prima di giugno, ma oramai l’iter è partito e sono convinto che si possa concludere entro l’estate o l’inizio dell’autunno".

Nei prossimi mesi naturalmente i cittadini incroceranno le dita sperando che la primavera non preveda piogge torrenziali, poi si darà il via all’intervento che metterà in sicurezza tutto l’alveo del fiume che passa in pieno centro storico a San Giovanni e poi arriva a valle sfociando a Cattolica. "Altra novità – rassicura Morelli – potrebbero essere alcuni rinforzi agli argini proprio a San Giovanni a ridosso del ponte del centro storico, i tecnici mi hanno parlato di alcuni interventi anche in questa direzione".

Intanto il sindaco rassicura la popolazione anche sull’impatto ambientale dell’opera: "Interverremo creando un grande bacino naturale dove non vi sarà cemento – prosegue Morelli –, ma tutto verrà realizzato con grandi azioni di riporto del terreno e proprio per questo vi sarà pure un grande parco e tanto verde annesso a fianco della vasca di laminazione. Ringraziamo tantissimo l’agenzia della protezione civile regionale che ci è vicino e dimostra enorme consapevolezza sull’importanza di tale opera per tutta l’area Sud di Rimini ed in particolare per San Giovanni in Marignano".

L’intervento coinvolge anche Cattolica e la sua comunità visto che a valle di pochi chilometri il fiume Ventena sfocia in piena zona turistica proprio a Cattolica in un portocanale che è vicino a spiagge, hotel e Circolo Nautico. Cattolica sta lavorando per il dragaggio a mare in vista della prossima stagione estiva per favorire ancor meglio il deflusso delle acque fluviali.

Luca Pizzagalli