Anche Novafeltria ha il suo candidato sfidante contro il sindaco uscente Stefano Zanchini, a caccia del bis. La conferma è arrivata ieri, dopo la conclusione del percorso avviato dall’associazione ‘Nova è’ sostenuto dal Pd e da tutto il centrosinistra e sfociato nella lista In-Nova. Da una parte ci sarà quindi la lista civica Percorso Comune capitanata da Zanchini (che al momento non rivendica alcun sostegno da liste di centrodestra come è stato in passato). Dall’altra, come...

Anche Novafeltria ha il suo candidato sfidante contro il sindaco uscente Stefano Zanchini, a caccia del bis. La conferma è arrivata ieri, dopo la conclusione del percorso avviato dall’associazione ‘Nova è’ sostenuto dal Pd e da tutto il centrosinistra e sfociato nella lista In-Nova. Da una parte ci sarà quindi la lista civica Percorso Comune capitanata da Zanchini (che al momento non rivendica alcun sostegno da liste di centrodestra come è stato in passato). Dall’altra, come avevamo anticipato su queste pagine nei giorni scorsi, arriva ora la conferma ufficiale della candidatura a sindaco di Ottavia Borghesi (nella foto a destra con Emma Petitti), che correrà per la lista In-Nova.

"Si tratta di una donna preparata, capace di dialogare e aggregare, con una forte vocazione all’impegno per il bene comune – dicono dal Pd di Novafeltria – Tutta la squadra che proponiamo è composta da giovani, persone con esperienza e persone di riferimento della società civile e dei territori, che si arricchiscono e si completano tra loro. Una lista che è lo specchio di come si strutturerà la nostra proposta per la gestione della cosa pubblica". La Borghesi è laureata in scienze politiche, ha 38 anni ed è la figlia dell’ex sindaco (scomparso pochi mesi fa) Gianfranco Borghesi.

Il suo volto non è nuovo alla cittadinanza: da anni è parte attiva nel mondo politico del centro sinistra ed è stata anche segretaria del circolo Pd locale. "Il laboratorio di idee e progetti di ‘Nova è’ – dice il gruppo – proseguirà il suo cammino in parallelo alla campagna elettorale a integrazione e supporto. Nella condivisione del programma, costruitosi nel percorso dai tavoli tematici, il Pd e il centrosinistra ritengono che in vista della competizione elettorale si debba garantire il diritto dei cittadini di poter scegliere tra due proposte diverse. Per questo ci assumiamo questa responsabilità e riteniamo di presentarci come soggetto politico identificabile nell’area e nei valori del centro sinistra. Il nostro obiettivo oggi è quello di portare avanti un progetto che parta dalla condivisione e da uno sviluppo del territorio di ampio respiro, un’alternativa positiva e credibile al centrodestra (questo quanto affermato da ’Nova è’ nei confronti degli sfidanti), ponendosi all’ascolto dei cittadini che vivono nel capoluogo e nelle frazioni per capirne i bisogni reali e tradurli in azioni e scelte concrete".

Rita Celli