MANUEL SPADAZZI
Cronaca

Volata per il turismo . Il Tour riempie gli hotel: "Rimini sarà vista in tv da 3,5 miliardi di persone"

Sadegholvaad: "La Grande Boucle vale per noi 10 milioni di indotto". Oltre 25mila presenze negli alberghi tra squadre, organizzatori e appassionati. Davanti al ponte di Tiberio svetterà la nuova statua dedicata a Pantani.

Volata per il turismo . Il Tour riempie gli hotel: "Rimini sarà vista in tv da 3,5 miliardi di persone"

Volata per il turismo . Il Tour riempie gli hotel: "Rimini sarà vista in tv da 3,5 miliardi di persone"

Per capire che cos’è davvero il Tour de France "bisogna essere lì, sulla strada. Respirare il profumo della corsa. Vedere i colori. E assistere allo spettacolo delle carovane e allo schieramento di troupe televisive e giornalisti". Parola dell’ex campione Gianni Bugno, che ha sfiorato il trionfo alla Grande Boucle per due anni di fila, nel 1991 (arrivò secondo) e nel 1992 (terzo). Uno spettacolo che Rimini vivrà da protagonista il 29 giugno, quando ospiterà l’arrivo della prima tappa della Grande Boucle, che partirà da Firenze. Una data storica: la prima tappa del Tour che per la prima volta in 111 anni parte dall’Italia. "Rimini – assicura Bugno – avrà addosso tutti gli occhi del mondo. Il Tour è seguito in tivù da 3,5 miliardi di persone". Sarà come ospitare, per un giorno, le Olimpiadi. "Sembrava solo un sogno per noi, invecetra pochi giorni diventerà realtà. Ospitare una tappa del Tour de France – assicura anche Jamil Sadegholvaad – rappresenterà per la nostra città una vetrina unica. Per quello che il Tour muove, anche in termini di promozione. Per l’impatto sul turismo".

AFFARI D’ORO

Un evento che farà (tanto) bene agli hotel e alle alter attività. Perché la tappa del Tour "garantirà in quel weekend, a Rimini e dintorni, almeno 25mila presenze negli hotel, tra squadre, organizzatori e addetti alla corsa e i tanti, tantissimi appassionati di ciclismo che verranno qui ad assistere alla corsa", spiegano Patrizia Rinaldis, la presidente di Federalberghi Rimini, e Stefano Bonini, presidente di Visit Rimini. "Per quel weekend – continua la Rinaldis – siamo già al 92 per cento di riempimento delle camere". E "si stima che l’indotto totale generato dal Tour de France per Rimini sarà di almeno 10 milioni", aggiunge il sindaco. Ma i ’frutti’ della Grande Boucle "Rimini li raccoglierà anche dopo – dice Bonini – Abbiamo già richieste da importanti tour operato per portare qui gruppi di cicloturisti da Stati Uniti, paesi scandinavi e da altri mercati che prima non ci filavano..".

CHE SPOT PER LA RIVIERA

"Il Tour non sarà solo un grande affare per tutti i nostri operatori, dagli albergatori ai ristoratori, dai bagnini ai commercianti – riprendee Sadegholvaad – Sarà un grande spot per Rimini e ci permetterà di far crescere il nostro appeal internazionale". In arrivo 800 giornalisti da tutto il mondo: la sala stampa sarà allestita al Palacongressi.

OMAGGIO AL PIRATA

Rimini si presenterà all’appuntamento con tante suggestive scenografie. Alcune sono già visibili da settimane: le scritte al porto e all’Arco d’Augusto, la grande bicicletta in piazzale Fellini e altre opere. "A giorni, prima del Tour, inaugureremo la nuova pista ciclabile e la statua dedicate a Marco Pantani", assicura Sadegholvaad. La ciclabile in omaggio al Pirata in via Montescudo, lunga 1,2 km, sarà rosa e gialla e ricorderà (con gigantografie) alcuni dei più grandi successi di Pantanti al Giro e al Tour. È firmata da Aldo Drudi, come la statua dedicata al Pirata, alta 5 metri: "La statua – conclude il sindaco – in occasione del Tour sarà per alcuni giorni nella piazza sull’acqua, davanti al ponte di Tiberio. Poi le troveremo la collocazione definitiva".