Volata per le comunali, la ricetta Fonti: "Coinvolgiamo di più la società civile"

Bellaria, dopo 10 anni da consigliere l’avvocato è il candidato della lista ’Insieme’ all’insegna di: "Inclusione, educazione e giovani al centro"

Avvocato Primo Fonti, candidato sindaco di ’Insieme’: perché torna in pista dopo 10 anni da consigliere comunale di centrodestra, dal 2004 al 2014?

"Il progetto del partito, nome completo ’Insieme, lavoro e famiglia, solidarietà e pace’, punta ad avviare una nuova stagione politica, senza distinzione di confessione o credenza".

Non siete un partito dei cattolici?

"No, non siamo un partito dei cattolici. Il riferimento è alla Costituzione repubblicana e alla dottrina sociale della Chiesa".

Quali le critiche alla maggioranza attuale?

"Luci e ombre. E’ mancato il coinvolgimento della società civile, delle persone, a favore di interessi corporativi, di alcune categorie, più che per gli interessi generali".

Quali le ’luci’?

"Il progetto Casa della Salute. E una certa cura del territorio, strade, giardini..."

Pare pochino. E’ un giudice severo.

"Non ho particolare interesse a contestare il passato. Ma ritengo anche troppo effimere poi tante iniziative di Verdeblu (partecipata comunale, ndr), con gli influencer in piazza. Dobbiamo parlare di educazione, scuola. C’è un grosso problema di disagio giovanile, che sfugge a tutti".

Quali le problematiche?

"Uso diffuso di sostanze dopanti, uso eccessivo dei social. L’emergenza educativa sarà una nostra priorità. Vogliamo avviare una politica partecipata per ricostruire un tessuto sociale indebolito da un bipolarismo fallimentare che ha diviso il nostro Paese, e a cascata anche la nostra città. E soprattutto ha aumentato le disuguaglianze economiche e sociali, e impoverito la scuola".

Insieme a?

"Il turismo è il nostro traino. Ma va diversificata l’economia, a partire dall’artigianato, magari quello legato al turismo stesso. E poi manca il lavoro".

Si vota il 9 giugno. In caso di ballottaggio, al secondo turno, con chi starete?

"Io non sono mai stato nè con la destra nè con la sinistra. Dipenderà dai programmi. Non abbiamo preclusioni per alcuno. Noi di ’Insieme’ siamo un partito autonomo, come sottolineato dallo stesso professor Stefano Zamagni nell’incontro di presentazione che si è svolto il 17 gennaio al Palaturismo".

Un’anticipazione sui vostri programmi per il mandato?

"Avremo modo di entrare nei particolari nei prossimi mesi. Per ora posso anticipare, in chiave sinstetica, i principi fondamentali cui ci ispireremo".

Anticipi.

"Politiche di inclusione, educare, formare e istruire, un’ecologia integrale, piani idea ispirati a una visione di città, la salute. E un’economia ’nuova’, che parta della persone".

Mario Gradara