Tuffi in mare e partite di beach volley: per centinaia di persone è stato un sabato estivo
Tuffi in mare e partite di beach volley: per centinaia di persone è stato un sabato estivo

Rimini, 20 ottobre 2019 - Bentornata primavera. «Macché, la gente fa il bagno e sono tutti sulla sabbia», si lascia scappare Cristina Frizzi del ristorante Milton Beach. La colonnina di mercurio è tornata a salire dopo qualche balbettio in quella che tanti stanno ribattezzando una nuova estate.

In questi periodi era abbastanza comune vedere riminesi prendere l’aereo per continuare a sentire il vento dell’estate altrove, a Ibiza o alle Canarie. Peccato per chi lo ha fatto. Ieri sulle spiagge riminesi c’erano 25 gradi e tanti facevano il bagno prendendo il sole a due passi dalla battigia (foto).

A Ibiza i gradi erano 23 e dal cielo è scesa qualche gocciolina di pioggia. Il weekened, sull’isola, non migliorerà, anzi. Mentre chi vuole respirare il sapore dell’estate tra Cattolica e Bellaria potrà andare sul sicuro, perché anche oggi i gradi previsti sono 23 e il cielo sarà per lo più limpido, stando alle previsioni.

Persino la giornata di lunedì, che di solito non toglie grandi sorrisi al rientro al lavoro, cercherà di alleviare i musi lunghi dopo il weekend, con il sole e 24 gradi. Così non rimane che riempire la spiaggia e i suoi locali, sempre che se ne trovino di aperti. Su questo aspetto i musi lunghi non mancano. «Le giornate sono stupende - riprende Cristina Frizzi - la spiaggia senza strutture e il mare bellissimo fanno pensare di essere in altre destinazioni turistiche, eppure si potrebbe fare di più. I locali aperti sulla spiaggia a Rimini sono pochi. Se fossimo di più, sarebbe possibile creare un polo attrattivo capace di calamitare più persone». Nel frattempo chi continua a sfidare il meteo, rimanendo aperto, in parte sta recuperando il disastroso mese di maggio quando con 24 giorni di pioggia su 31 e le basse temperature avevano svuotato i registratore di cassa.

«Ormai le stagioni non ci sono più - sorride Alessandro Corazza del Tanimodi a Riccione, dove i ristoranti aperti in spiaggia sono tanti -. E’ incredibile come le persone facciano il bagno. Ci eravamo preparati all’autunno con i tavoli interni al ristorante, ma i clienti hanno voluto che li portassimo fuori all’aperto, perché si sta meglio. Recuperare il mese di maggio rimane difficile, ma ci godiamo questo autunno«. A goderselo sono anche alcuni bagnini che ieri, in spiaggia per continuare lo smontaggio delle attrezzature, hanno dovuto cedere alle richieste allungando qualche lettino a chi voleva prendersi la tintarella d’ottobre. Oggi si attende il bis, mentre a Ibiza, rosicano.