Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Presunti brogli nel voto all'estero, l'ambasciatore a San Marino: "Ho scortato le schede"

Guido Cerboni: "Sono molto amareggiato, le schede sono sempre state tenute sotto controllo fino a Roma ed erano sigillate"

Ultimo aggiornamento il 8 marzo 2018 alle 07:00
L’ambasciatore d’Italia sul Titano, Guido Cerboni, si è insediato lo scorso settembre

San Marino, 8 marzo 2018 - «Sono molto amareggiato. Ho scoperto dai giornali la storia che oltre 600 schede elettorali, con le quali gli italiani a San Marino, hanno espresso il loro voto sarebbero contraffatte. Noi abbiamo rispettato tutte le procedure, non può essere vero». Guido Cerboni, 65 anni, ambasciatore d’Italia sul Titano, risponde al telefono sul caso dei presunti brogli del voto estero in diversi paesi come Canada, Germania e a San Marino.

Le irregolarità del voto sammarinese sarebbero emerse durante lo spoglio delle schede arrivate in Italia, a Castelnuovo di Porto. Oltre 600 schede risulterebbero contraffatte sia nella qualità della carta e nei colori, e presenterebbero la preferenza a una lista civica della coalizione di centrosinistra. Sulla vicenda la Procura di Roma ha aperto un’inchiesta.

Elezioni 4 marzo 2018, Le Iene: "Compravendita di 3mila voti in Germania"

«Noi abbiamo rispettato le procedure previste dalla legge – sottolinea Cerboni, ambasciatore dal 2017 nell’Antica Repubblica -, prima abbiamo ricevuto le buste chiuse con le votazioni, poi le abbiamo accuratamente sigillate in appositi sacchi. Alla fine con il corriere diplomatico le abbiamo portate a Roma il due marzo. Io stesso le ho accompagnate nella Capitale, non le ho mollate un solo secondo».

Non è, dunque, possibile che siano state sostituite con altre durante il tragitto?

«Assolutamente no, io ero lì, sono sempre state tenute sotto controllo ed erano sigillate».

Ma qualcuno da Roma si è fatto vivo con lei, dal ministero o dalla procura per chiedere informazioni sulla vicenda?

«Assolutamente nessuno. Io attendo che ci sia al più presto un chiarimento su questa vicenda. Il solo sospetto di anomalie mi fa stare male, sono molto amareggiato. Siamo noi le prime vittime, abbiamo lavorato con grande attenzione, con la massima serietà ed invece si è scatenato questo putiferio».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.