Salvini al Palas per il IX convegno nazionale del Sap (foto Bove)
Salvini al Palas per il IX convegno nazionale del Sap (foto Bove)

Rimini, 19 novembre 2019 - Dopo Bologna e Modena, il popolo delle sardine ha deciso: scenderà in piazza anche a Rimini. Lo farà domenica 24 novembre, nelle stesse ore in cui il leader della Lega inaugurerà (alle 15) la nuova sede riminese del Carroccio, in via Bonsi. A poche centinaia di metri, tra piazza Cavour e la Vecchia pescheria, andrà in scena la contro-manifestazione. Salvini ha già detto questa mattina a Rimini, dove è intervenuto al Palas per il convegno nazionale del Sap, che "quasi quasi in piazza ci vado anch'io".

image

Leggi anche Sardine Reggio Emilia, sabato il flah mob in piazza Prampolini Chi sono i 4 ragazzi che hanno riempito piazza Maggiore -  "Quindicimila al flash mob, è suonata la sveglia"

 

Salvini: "Io in piazza con loro"

Quasi quasi "in piazza con loro ci vado anche io", ha detto Matteo Salvini, che oggi ha partecipato al Congresso del Sap a Rimini (FOTO), dove domenica inaugurerà la nuova sede della Lega. Replicando a chi gli chiedeva un commento sulla mobilitazione nata a Bologna e ieri approdata a Modena, Salvini ha sottolineato che "a Modena ho preferito le aziende alle sardine: con tutto il rispetto delle sardine ci sono più problemi in aziende in difficoltà, che in piazza". Ma "la prossima volta ci vado anche io in piazza con loro". Senza scontri. "Io vado a proporre perché queste sono piazze contro, io vengo a Rimini per, vado a Firenze per, sono stato a Modena per. Le piazze contro - ha concluso Salvini - sono rispettabili e sono curioso di sapere qual è la proposta".

 

La protesta delle sardine in piazza Maggiore (foto Schicchi)

"Pesce palla"

"Preparate un bel pesce palla da regalargli", la replica del popolo delle sardine, che poco fa ha annunciato gli orari e il luogo della manifestazione, che partirà intorno alle 17. "Insieme alla sua candidata ombra Salvini inaugurerà la nuova sede della Lega a Rimini, facendo passare il messaggio che la Romagna è ormai presa e che la sua retorica dell'insulto e delle false promesse si traduce in consenso e approvazione dovunque. 

Ma le sardine hanno testa e poca pancia. Non hanno bisogno di urlare e insultare. Hanno bisogno di una pescheria, anzi, di una Vecchia Pescheria! Un luogo che chi viene da fuori non può conoscere, un luogo che appartiene a chi vive sul territorio, alla sua storia, alle sue radici fatte di accoglienza, relazioni sociali e lavoro duro. Ecco che allora le saraghine riminesi si ritroveranno domenica per contarsi, stringersi, esprimere che la politica sana che ognuno vive nel quotidiano sarà sempre più forte degli slogan e degli insulti. Perché a prescindere dal colore politico meritiamo tutti una campagna elettorale diversa", scrivono gli organizzatori. E ancora: "Nessuna bandiera, nessun insulto, nessuna violenza. Perchè fa più rumore un mare in silenzio di un pirata che urla". 

false