Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
2 ago 2022
2 ago 2022

Cecchinato e i prospetti azzurri a caccia del San Marino Open

Domenica si parte con le qualificazioni,. Cerundolo e Taberner. nel lotto dei favoriti

2 ago 2022
Cecchinato premiato nel 2013
Cecchinato premiato nel 2013
Cecchinato premiato nel 2013
Cecchinato premiato nel 2013
Cecchinato premiato nel 2013
Cecchinato premiato nel 2013

Alla fine, dopo discussioni infinite e una divisione che ha lasciato dello scontento, il San Giovanni è finito nel girone B di volley A2 femminile, quello ‘sgaffo’, con numero di squadre dispari (11, nell’altro raggruppamento sono 12). Partendo dal sud e risalendo lo Stivale, insieme alle marignanesi troviamo due realtà siciliane (Marsala e Messina), una calabrese (Soverato), due laziali (Roma e Sant’Elia, nel ‘frusinate’), una umbra (Perugia), due venete (Montecchio Maggiore, Vicenza) e due friulane (Martignacco e Talmassons).

Tanti chilometri in vista – la destinazione più vicina è Perugia, che non è certo dietro l’angolo – per affrontare le 10 trasferte della prima fase e nessuna traccia di derby, visto che le due compagini del ‘modenese’, Sassuolo e Montale, sono finite nel girone A. La geografia non è amica, ma i valori tecnici dovrebbero riequilibrare i disagi per i lunghi trasferimenti. "L’altro girone è oggettivamente più forte, ci sono parecchie squadre attrezzate", commenta il presidente nonché gm dell’Omag-MT, Stefano Manconi, che si sbilancia poi su una previsione. "Nel nostro raggruppamento il Roma Volley Club è quasi ingiocabile, ma dietro credo che ci siamo noi.

Nell’altro girone dovrebbero marciare decisamente spedite Brescia, Busto Arsizio, Mondovì e Trento, senza dimenticare poi squadre interessanti come Sassuolo, Olbia, Albese", aggiunge il dirigente di San Giovanni, che come primo obiettivo ha naturalmente l’ingresso tra le prime 6, così da poter accedere alla Poule Promozione.

Ma una volta lì, l’Omag-MT non dovrebbe accontentarsi, in società si respira un certo fermento e l’arrivo di un dirigente come Piero Babbi, già protagonista nell’ascesa di Pesaro, fa capire che le ambizioni non mancano. Insomma, San Giovanni potrebbe cominciare a strizzare l’occhio all’A1.

"Non dimentichiamo che ci sono solo due promozioni e Roma un posto l’ha già prenotato", tira il freno dei facili entusiasmi Manconi.

alb.cresc.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?