Poco più di due settimane al via, nel campionato di volley A2 femminile. Un torneo che anche in questa ormai imminente stagione vedrà coinvolta l’Omag-MT San Giovanni, la realtà inserita nel girone A che farà il suo debutto domenica 10 ottobre, in Valconca, con Busto Arsizio. Aspettando le sfide con i tre punti in palio, Coulibaly (foto) e compagne proseguono la preparazione tra allenamenti e amichevoli. Il primo test era stato con Montale,...

Poco più di due settimane al via, nel campionato di volley A2 femminile. Un torneo che anche in questa ormai imminente stagione vedrà coinvolta l’Omag-MT San Giovanni, la realtà inserita nel girone A che farà il suo debutto domenica 10 ottobre, in Valconca, con Busto Arsizio. Aspettando le sfide con i tre punti in palio, Coulibaly (foto) e compagne proseguono la preparazione tra allenamenti e amichevoli. Il primo test era stato con Montale, squadra di B, mentre nella seconda uscita coach Barbolini ha voluto alzare l’asticella, per un incrocio contro una consorella di A2, quel Macerata che ha fatto capolino nel palasport marignanese. Piuttosto, come sono andate le cose con le marchigiane? "Direi che è andata bene – ribatte il tecnico dell’Omag-MT –. Abbiamo disputato in tutto quattro set e ne abbiamo vinti due per uno. Ma al di là del risultato, che in questi casi conta relativamente, la squadra mi è piaciuta perché ha giocato in maniera abbastanza sfrontata. Un atteggiamento positivo, proprio quello che volevo. Insomma, abbiamo alzato il livello, pur non avendo avuto grande continuità. Ma questo è normale nella fase della stagione in cui ci troviamo", non ha di che preoccuparsi Barbolini, che ha preferito lasciare ancora a riposo la ‘convalescente’ Ceron. "Era inutile mandarla magari incontro a un affaticamento", riflette lo ’skipper’ di San Giovanni, che non esiterà invece a schierare la riconfermata centrale domani, quando porterà le sue giocatrici a Ravenna per un confronto con la Teodora (si comincia attorno alle 17.30).

È un Barbolini che si sta calando sempre più nella realtà marignanese, ricevendo confortanti risposte. "Questa nuova esperienza mi convince appieno – ammette –. Ho trovato un coinvolgimento totale di giocatrici, staff e volontari, c’è la voglia di mettersi a disposizione da parte di tutti quanti". Dopo il galoppo di Ravenna il coach lascerà due giorni pieni di riposo alla squadra, con le sedute che riprenderanno martedì mattina. Poi, mercoledì, galoppo a Macerata e domenica 3 ottobre retour-match con la Teodora a San Giovanni. Nel frattempo la società attende con interesse il pronunciamento del Cts sul possibile allargamento della capienza nei palasport: dal 35% al 50%. Forse.

alb. cresc.