I controlli anti covid dei carabinieri
I controlli anti covid dei carabinieri

Rovigo, 13 gennaio 2021 - Seduti al tavolo di un bar a pranzare in assolutta tranquillità in barba ai divieti che sono in vigore per la zona arancione. Multate cinque persone e il titolare. E’ stata inoltre decisa anche la chiusura del locale per cinque giorni. Un episodio incredibile quello che si è verificato a Polesella nella mattinata di domenica, in un periodo di restrizioni, divieti negli spostamenti e chiusura dei locali pubblici. Nel corso dei servizi di controllo del territorio, finalizzati proprio al rispetto delle prescrizioni per il contenimento della diffusione del covid-19, i carabinieri della stazione di Fratta Polesine sono entrati in un bar che si trova nel centro del paese.

I militari dell’Arma devono essere rimasti senza parole quando sono entrati nella saletta del locale. Lì hanno sorpreso, in violazione al dpcm del 3 dicembre 2020, seduti al tavolo cinque avventori intenti a consumare alcune ordinazioni. Sono state scattate le sanzioni amministrative, pari a euro 400 per ognuno dei cinque clienti. Stessa sorte per il titolare del bar a cui è stata anche applicata la sanzione accessoria della chiusura del locale per la durata di cinque giorni.

Il Veneto, nelle giornate del 9 e 10 gennaio, è classificato in zona arancione. Ai bar e ristoranti è consentito il solo servizio di asporto e non all’interno e tanto meno al tavolo. Un fatto che in poche ore è divenuto a conoscenza di molti cittadini. Amareggiato e arrabbiato il sindaco di Polesella, Leonardo Raito. "Sono sinceramente molto dispiaciuto – dice – anche se comprendo la difficoltà dei proprietari degli esercizi commerciali di operare in un momento molto delicato come quello che tutti stiamo attraversando per la pandemia. Per contro, tuttavia, devo auspicare il pieno rispetto delle regole. A fronte di quanto accaduto – conclude il sindaco Raito – invito tutti i gestori e avventori alla massima attenzione per evitare il rischio di diffusione della pandemia e le possibili sanzioni che penalizzano attività e clienti".

Proseguono sul territorio della la polizia locale associata ‘Medio Polesine’, che comprende dieci comuni, i controlli. Il responsabile il vice commissario Silvio Trevisan spiega: "Il nostro comando porta avanti controlli a campione nei territori compresi nella gestione associata. Il nostro servizio è quello di verificare il rispetto delle normative per il contenimento della diffusione del virus covid-19, verifichiamo alcune attività commerciali e anche eventuali segnalazioni che ci arrivano. In questo periodo abbiamo sanzionato una persona che era uscita di casa in chiara violazione dei divieti. Tutto questo anche attraverso l’utilizzo delle telecamere per la video sorveglianza".