Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
24 mag 2022

Elezioni comunali 2022 in Polesine: i Comuni al voto, chi sono i candidati sindaco

Sarano sei i comuni chiamati alle urne. Molte le curiosità, tra queste la sfida tra due cugini per la carica di primo cittadino

24 mag 2022
mario tosatti
Cronaca
ELEZIONI AMMINISTRATIVE
Elezioni amministrative
ELEZIONI AMMINISTRATIVE
Elezioni amministrative

 Il prossimo 12 giugno pronti 13 candidati sindaci per il rinnovo di sei consigli comunali. Nel dettaglio i tre maggiori Comuni coinvolti e sindaci uscenti sono Porto Viro (Maura Veronese), poi Badia Polesine (Giovanni Rossi), Taglio di Po (Francesco Siviero). Altri tre comuni sono Fratta Polesine (Giuseppe Tasso), Lusia (Luca Prando) e Giacciano con Baruchella (Natale Pigaiani). Nei rispetti uffici elettorali comunali sono già state presentate le liste formali, che si fronteggeranno il 12 giugno prossimo.

Approfondisci:

Elezioni comunali 2022: dove e quando si vota in Veneto

Porto Viro 

Nel basso Polesine, saranno due i Comuni coinvolti, Porto Viro e Taglio di Po, una ‘sfida’ elettorale intensa, dove nel primo Maura Veronese cerca la conferma per il secondo mandato, mentre nel secondo i cittadini voteranno il successore di Francesco Siviero che lascia la carica di sindaco, dopo due mandati amministrativi. Nel dettaglio dei Comuni, partendo da Porto Viro la particolarità che i cittadini dovranno votare e scegliere due candidate alla carica di sindaco. La lista civica ‘Veronese Maura sindaco’, con candidata il sindaco uscente Maura Veronese, mentre la lista numero 2 ‘Mantovan Valeria sindaco – Porto Viro riparte’ lista civica con candidata Valeria Mantovan, ex assessore uscente della giunta Veronese, sostegno dichiarato dei partiti di centro destra. In totale saranno 32 i candidati consiglieri comunali tra le due liste.

Taglio di Po

A Taglio di Po, invece, atra curiosità la sfida sarà tra due cugini con lo stesso cognome Marangoni. Nel dettaglio candidato Davide Marangoni, vicesindaco uscente con la lista ‘Insieme per Taglio di Po’ una civica sostenuta dai partiti del centro sinistra. In corsa Layla Marangoni ‘ViviAmo Taglio d Po’, una lista di centrodestra è stata candidata sindaco anche nelle amministrative del 2017, vinte dal sindaco uscente Francesco Siviero. In totale saranno 24 i candidati consiglieri comunali tra le due liste.

Badia Polesine

Un altro importante Comune che andrà il voto, si tratta di Badia Polesine, dove saranno tre le liste in campo. ‘Giovanni Rossi sindaco’, lista del primo cittadino uscente, che punta al secondo mandato consecutivo, con il sostegno del centro destra Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia. Altra lista civica, ma di centro sinistra quella di ‘Badia domani’ candidato sindaco il consigliere comunale di opposizione uscente Manuel Berengan esponente del Pd locale. A completare il tris di liste quella di Adino Rossi, per lui è la quarta candidatura a sindaco con la lista ‘3 torri – Badia ci piace!’. In questo comune sono 44 i candidati consiglieri comunali.

Fratta Polesine

Una curiosità caratterizza la tornata elettorale nel Comune di Fratta Polesine, dove i candidati sindaci sono gli stessi tre dell’elezioni tenutesi nel 2017. Il sindaco uscente Giuseppe Tasso punta alla riconferma con la lista civica ‘Fratta 2.0’, poi confermata anche la candidatura di Tiziana Virgili, già primo cittadino del paese, oltre che presidente della Provincia di Rovigo fino al 2016. La sua lista civica si chiama ‘La nostra Fratta’. A completare le candidature a primo cittadino, quella di Daniele Volpin con la lista civica ‘Meno Tasse più lavoro’.

Lusia

Nel Comune di Lusia, invece, ci sarà un’unica candidatura quella del sindaco uscente Luca Prando con la civica ‘Lusia unita-Prando Luca sindaco’, con dodici candidati consiglieri comunali. In questo caso dovrà sfidarsi con il ‘quorum’. La presentazione di un’unica lista civica, infatti, comporta l’obbligo del raggiungimento del quorum elettorale pari al 40% più uno degli aventi diritto al voto, necessario per la validità delle elezioni. Nello specifico, il quorum (che in tempi pre Covid era pari al 50% più uno degli aventi diritto al voto) è stato fissato al 40% più uno (esclusi gli Aire) dal decreto del 4 maggio 2022 che riconferma il contenuto della deroga alla legge in merito, stabilita per emergenza Covid lo scorso anno.

Giacciano con Baruchella

A completare il sestetto dei Comuni al voto il comune di Giacciano con Baruchella, dove è alla riconferma di un nuovo mandato Natale Pigaiani lista “Pigaiani sindaco” attuale primo cittadino e già con consolidata esperienza di amministrativa. A sfidarlo Massimo Gulmini, con la lista ‘Il tuo Comune’, che si presentò alla carica di primo cittadino anche cinque anni fa alle ultime elezioni comunali.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?