Genitori e parenti attendono l'arrivo dei ragazzi da Cracovia
Genitori e parenti attendono l'arrivo dei ragazzi da Cracovia

Rovigo, 2 agosto 2016 - Profilassi per tutti i ragazzi e gli accompagnatori di ritorno da Cracovia per la Giornata mondiale della gioventù in Polonia dove una ragazza di 19 anni di Roma, Susanna Rufi, è morta domenica a causa di una meningite fulminante. Ad attendere i circa 240 polesani, alle 22, alla cittadella socio sanitaria di viale Tre Martiri a Rovigo il direttore sanitario Edgardo Contato e il direttore di igiene pubblica Lorenza Gallo dell'azienda sanitaria Ulss 18.

L'arrivo delle corriere è previsto per le 23. I 240 che stanno rientrando sono tutti partiti dalla provincia di Rovigo, ma non sono tutti i polesani che hanno partecipato alla giornata mondiale della gioventù in Polonia. Alcuni sono già tornati, ed hanno già fatto la profilassi. Altri, come per esempio un gruppo di scout, torneranno domani via Bologna ed anche loro verranno sottoposti al trattamento. Si tratta, come spiega Lorenza Gallo, di un antibiotico in pastiglia che blocca la malattia se è all'inizio.

L'Ulss 18 ha deciso questa modalità di profilassi assieme alla diocesi di Adria e Rovigo che ha fornito all'azienda sanitaria gli elenchi dei giovani partiti dal Polesine per Cracovia. Dalle 22,30 i genitori sono stati accolti in una sala conferenze dove i medici hanno iniziato a spiegare il perché di questa procedura di prevenzione straordinaria anche per non diffondere il panico nella cittadinanza.

t. m.