Letizia Guerra è stata confermata come presidente della Pro loco di Adria per altri quattro anni. È questo l’esito dell’assemblea ordinaria dei soci tenutasi nei giorni scorsi, nella quale si sono svolte le votazioni per eleggere i componenti del nuovo direttivo e del collegio dei revisori. Poi, a seguire il nuovo...

Letizia Guerra è stata confermata come presidente della Pro loco di Adria per altri quattro anni. È questo l’esito dell’assemblea ordinaria dei soci tenutasi nei giorni scorsi, nella quale si sono svolte le votazioni per eleggere i componenti del nuovo direttivo e del collegio dei revisori. Poi, a seguire il nuovo consiglio ha formalizzato le nomine, in base alle quali è stato definito l’organigramma per il quadriennio 2020-2024. La presidente Guerra sarà affiancata dalla vice Silvia Trevisan, dal segretario Rosetta Gallo, dal tesoriere Serenella Ferro e dai consiglieri Maurizia Baldan, Giuseppe Corrarati, Marco Doati, Roberto Naldini e Valmore Tamiso. Il presidente del collegio dei revisori sarà Antonio Stoppa, affiancato da Maurizio Schiavon e Mattia Spinello. Dunque il sodalizio di piazza Bocchi è pronto a ripartire con forza, nonostante le tante difficoltà causate dall’emergenza Covid. "Il gruppo è carico di entusiasmo – le prime parole della confermata presidente Guerra – e motivato dall’obiettivo di intraprendere nuove sfide che favoriscano la crescita culturale e turistica di Adria. Proprio perchè il futuro non sarà facile, è forte la consapevolezza che solo un lavoro di squadra e la disponibilità a proficue collaborazioni permetterà di valorizzare il nostro territorio come merita". Sullo sfondo si staglia l’anniversario dei 55 anni della Pro loco adriese, da celebrarsi in ottobre, che il nuovo direttivo intende festeggiare con un regalo particolare: una nuova sede. "Il dono più bello sarebbe una sede più adeguata alle esigenze dell’associazione" ha spiegato Guerra.

Stefano Chiarelli