Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
20 mag 2022

Rovigo incendi: ancora fiamme lungo l'argine del Po a Occhiobello

Tempestivo l’intervento dei vigili del fuoco, nessun ferito 

20 mag 2022
il fumo nero che si è alzato dall'area arginale del Po
Il fumo nero che si è alzato dall'area arginale del Po
il fumo nero che si è alzato dall'area arginale del Po
Il fumo nero che si è alzato dall'area arginale del Po

Occhiobello (Rovigo), 20 maggio 2022 – Un nuovo incendio sull’argine del Po. Il fatto è stato segnalato verso le 21 di giovedì 19 maggio da alcuni passanti, nell’area golenale vicino al fiume, in prossimità della rampa di accesso da via della pace a Santa Maria Maddalena. Le fiamme hanno generato un grande fumo nero, sono partiti subito i soccorsi con la chiamata al 115. Sul posto sono arrivati i mezzi dei vigili del fuoco da Castelmassa e Rovigo, cinque in totale, complicate le operazioni di spegnimento che ha visto diversi focolai compresi tra il parco della rotta e un’ex cava di sabbia privata. I pompieri hanno lavorato sostando sulla via Malcantone. Sul posto anche la pattuglia dei carabinieri della radiomobile di Castelmassa, che hanno predisposto la chiusura del tratto di strada arginale. A supporto anche i quattro volontari dell’associazione ‘Occhio Civico’, che si sono posizionati nei punti critici di accesso, dalla Ss16-ponte Po, incrocio di via della pace e nel capoluogo Occhiobello.

Occhiobello: Una serata di fuoco, paura e nessun ferito
Occhiobello: Una serata di fuoco, paura e nessun ferito

Tanta la paura in quanto le fiamme si sono alzate notevolmente bruciando parte della vegetazione posta nell’area golenale. Tempestivo comunque l’intervento e lavoro dei vigili del fuoco, che sono stati impegnati per lo spegnimento per quasi due ore. Da precisare che non ci sono stati feriti e danni ad abitazioni. Rimangono da capire come sono stati accesi questi focolai, che verranno accertati, tra le cause possibili alcuni mozziconi di sigarette gettati dalle auto.

A seguire le operazioni anche l’assessore all’ambiente, Enrico Leccese che nei giorni scorsi aveva lanciato un appello: “Ci appelliamo alle persone che frequentano i parchi e le aree verdi – continua Leccese -, bisogna fare attenzione a non gettare a terra mozziconi di sigaretta e avere la massima cura dell’ambiente anche quando si fanno i barbecue in area golenale, al Parco della rotta e nello stesso parco di viale dei Nati perché basta poco per provocare danni seri e situazioni pericolose”. L’incendio di ieri sera segue di pochi giorni quello successo domenica 15 maggio quando si sono creati diversi focali nella parte dell’area arginale lato viale dei nati, anche in quel caso spenti prontamente dai vigili del fuoco.
 

le fiamme hanno bruciato la vegetazione dell'argine
le fiamme hanno bruciato la vegetazione dell'argine
le fiamme hanno bruciato la vegetazione dell'argine
le fiamme hanno bruciato la vegetazione dell'argine
le fiamme hanno bruciato la vegetazione dell'argine
le fiamme hanno bruciato la vegetazione dell'argine

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?