La polizia locale guidata dal comandante Pierantonio Moretto
La polizia locale guidata dal comandante Pierantonio Moretto

Adria (Rovigo), 20 febbraio 2019 - Schianto ad Adria, rimangono ferite una mamma e tre bambine. L’incidente è accaduto ieri mattina alle 8 in zona Orticelli e sono rimasti coinvolti un’auto, un pullman ed un camioncino. Stanno ricostruendo la dinamica i vigili urbani di Adria. Dai primi rilievi pare che si sia verificato un primo tamponamento lungo una strada di campagna che ha coinvolto un camioncino e la macchina a bordo della quale si trovavano la mamma con le tre bambine.

La vettura ha proseguito nella sua direzione di marcia. A quel punto la macchina, una Golf nera, proprio a causa dell’urto è andata a sbattere sul lato anteriore sinistro di un pullman di linea che arrivava in senso contrario (la corriera procedeva da Adria verso Orticelli). A causa del forte impatto la Golf è finita in un campo che si trova lungo uno dei lati della strada. Fortunatamente la vettura non si è capovolta. Tanta la paura per la donna e per le tre figlie. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, l’ambulanza, e la polizia locale guidata dal comandante Pierantonio Moretto. La donna è stata trasportata al reparto di radiologia dell’ospedale di Adria, le tre bambine sono invece state ricoverate nel reparto pediatria. Fortunatamente nessuno sembra sia è in pericolo di vita. «In quel momento ero in macchina – racconta un cittadino di Valliera che ha assitito all’incidente – e stavo andando al lavoro.

Ad un certo punto ho visto la macchina in mezzo ai campi ed il pullman fermo. Non sapevo cosa fosse successo, la prima cosa che ho pensato è che, nell’impatto ci fossero stati feriti gravi. Mi sono fermato subito e ho visto che si trattava di una mamma con tre bambini. In quel momento mi sono preoccupato ancora di più. Prima per la loro vita, poi, fortunatamente ho saputo che non c’erano stati morti. E’ stata una scena terribile, solo per miracolo l’incidente non si è trasformato in una tragedia». Non si sa se, in questo momento delle indagini, se lo schianto iniziale con il camioncino sia stato dovuto alla velocità, ad una distrazione od alla nebbia che ieri era molto fitta in tutta la zona e solo nella tarda mattinata ha cominciato a diradarsi. «Ieri mattina – riprende il testimone – faceva molto freddo e la visibilità era molto ridotta a causa di uno spesso muro di nebbia».

E sempre la nebbia è stata la causa di una serie di tamponamenti avvenuti ieri mattina sull’autostrada A31 Valdastico, non distante dalla connessione con l’autostrada A4 Serenissima. Si sono verificati tre incidenti con il tragico bilancio di un morto e diversi feriti, di cui almeno uno in gravi condizioni. I tre incidenti, probabilmente causati dalla scarsa visibilità. Due sono avvenuti nella carreggiata sud ed uno in carreggiata nord. Secondo una prima ricostruzione, a perdere la vita sarebbe il conducente di un’auto che è piombata contro la colonna di mezzi ferma, schiantandosi contro un mezzo pesante. Sul posto cinque squadre dei vigili del fuoco e tre ambulanze del Suem 118 dell’ospedale di Vicenza. Chiusi i caselli di Vicenza nord in entrambe le direzioni, mentre in direzione sud, verso la nostra cittadina, sono stati chiusi Piovene Rocchette, Thiene e Dueville. Pesantissime le ripercussioni con code anche in A4 ma soprattutto sulla viabilità esterna, con colonne di auto e rallentamenti.