I vigili assistono alle operazioni per portare via l’Opel

Boara Polesine (Rovigo), 3 ottobre 2018 - Una famiglia di Boara Polesine ieri pomeriggio, intorno alle 16,30, si è vista piombare un’auto nel giardino. E per poco l’incidente non si è trasformato in una tragedia. «Mio padre era proprio in quel punto e stava raccogliendo le foglie che erano cadute dagli alberi del giardino fino a pochi attimi prima dello schianto, era rientrato in casa a prendere un utensile. E’ stata la sua fortuna — racconta Alessia Rezzi, la figlia, ancora turbata per l’incidente mentre guarda i pezzi della carrozzeria rimasti nel prato —. L’auto gli sarebbe piombata addosso. Io ero ancora al lavoro ma quando sono tornata, poco dopo l’incidente, sono rimasta senza parole davanti a quella scena».

Il monovolume Opel è finito nel giardino dopo il violentissimo impatto con un furgone Fiat Talento che è avvenuto in via Curtatone, località Ca’ Bianca. A bordo c’erano un uomo con una bambina di 6 anni. L’ambulanza ha portato tutti al pronto soccorso ma nessuno sembra essere in pericolo di vita. Sono intervenuti i vigili urbani ed anche i vigili del fuoco. Il carroattrezzi ha recuperato i due mezzi, tra i quali l’auto volata nel giardino dell’abitazione.

La recinzione è sfondata su un lato e la segnaletica verticale, compreso il cartello con l’indicazione stradale che ci si trova in via Curtatone, schiantato e riverso nell’erba del giardino. «Qui corrono tutti sempre come i pazzi, sia di notte che di giorno – riprende Alessia Rezzi –. La segnaletica per invitare le auto magari a rallentare è del tutto assente. Andrò in Comune a farlo presente perché non si può più andare avanti così, è una situazione molto pericolosa».